Calabria, la Madonna delle Grazie si inchina davanti all’abitazione del boss

processione

Durante la processione la statua è stata fermata davanti alla casa del boss e si è inchinata. Il parroco del paese è cugino di primo grado del boss

In Calabria la Madonna delle Grazie si “inchina” davanti alla casa del boss. Durante la processione la statua è stata fermata davanti all’abitazione di Peppe Mazzagatti, 82 anni, capo dell’omonimo clan della ‘ndrangheta di Oppido Mamertina. Gli uomini dell’Arma dei carabinieri hanno a quel punto abbandonato la processione. Allo stop, è seguito anche l’inchino della statua in omaggio al boss. La statua era preceduta da alcuni sacerdoti e da un gruppo di amministratori locali. I carabinieri prima di abbandonare la sfilata religiosa hanno girato un video che è stato inviato alla Dda di Reggio Calabria. Ci sarebbe un motivo all’inchino della Madonna delle Grazie: il parroco del paese, don Benedetto Rustico, è cugino di primo grado del boss Peppe Mazzagatti. E ancora il parroco, durante la celebrazione della messa, dopo la processione, ha cacciato un giornalista del “Fatto Quotidiano” dalla chiesa. Il prete, dal pulpito, durante la funzione, ha invitato i fedeli a prendere a schiaffi il giornalista, che si era recato in chiesa per chiedere spiegazioni di quanto accaduto durante la processione.

[youtube HKClG4ybzHk nolink]

.http://serenamarotta.blogspot.it/