Elisa Girotto: muore di cancro e lascia alla figlia Alice 18 anni di regali

Il coraggio di una madre che ha voluto lasciare a sua figlia un ricordo indelebile di lei

PhotoCredit: Bigodino.it

Treviso, Elisa Girotto è la mamma di 40 anni che dopo aver dato alla luce la sua piccola Alice, e scoperto di essere malata di cancro, non c’è l’ha fatta. Lei madre coraggio, che ha lottato con tutte le sue forze per sconfiggere il male del secolo è stata sconfitta. Ma non si è arresa neanche quando non c’era più nulla da fare.

Quando ha saputo dai medici che non c’erano più speranze e che le sarebbero rimaste poche settimane di vita, ha deciso di programmare i 18 anni della sua bambina, un regalo per ogni anno. Dai gonfiabili fino a un mappamondo, dove sarebbero state indicate le varie città che avrebbe voluto visitare insieme a lei.

LA MORTE ANNUNCIATA

Un tumore al seno di rara aggressività, l’ha portata via ai suoi cari, senza darle l’opportunità di crescere Alice, di coccolarla e di proteggerla dal mondo insieme a suo marito Alessio Vincenzotto. Elisa prima di morire ha deciso di lasciare alla sua piccola di un anno e due mesi, 18 regali.

Loading...

La mamma coraggio, era direttrice di una filiale di banca, è deceduta l’altra notte in un hospice di Treviso, la Casa dei Gelsi, mentre oggi si sono svolti i funerali a Lovadina. Si era sottoposta a 4 interventi chirurgici e cicli di chemioterapia, ma il carcinoma triplo negativo al seno una delle forme più aggressive non le ha lasciato scampo.

Quando Elisa due mesi fa, esattamente a Luglio, ha saputo che non c’era più tempo e che la sua malattia si era aggravata, ha avuto l’idea di comprare tutti i regali per ogni anno alla sua bambina, e anche per i Natali. Così in breve tempo la giovane mamma ha acquistato bambole per i primi anni, poi i gonfiabili, libri, fino a quando Alice compirà i suoi 18 anni.

Elisa e Alessio avevano deciso di sposarsi a settembre, ma l’aggravarsi della malattia ha fatto si che le nozze furono anticipate ad agosto.

Ed è stato il marito a spiegare al Gazzettino: ”Era terrorizzata dal fatto che la bambina potesse perdere il ricordo della sua voce. Per questo aveva iniziato a incidere dei messaggi vocali. Finché non è entrata in coma. Prima di andarsene ha nascosto bigliettini negli angoli della casa, sicura che prima o poi sarebbero stati trovati. E poi due interi quaderni di pensieri e ricordi per la bambina”.

CONDIVIDI
Lorita Russo
Sono l' Amministratrice e Responsabile Marketing di Quotidianpost, editor, articolista e reviewer. Gestisco un mio blog di cucina Facili Idee. Sono proprietaria di un canale youtube e di un gruppo di cucina di 58.000 follower.
Loading...
  • Lorita Russo

    Questa grande donna mi ha commosso, quanto amore per la sua creatura e la paura che potesse dimenticarsi della sua mamma

  • Giu Reznik

    struggente