Registrati | Accedi Area utente

Festa di San Pietro e Paolo a Roma: infiorata al Vaticano e girandola a Castel S.Angelo

scritto il 30 Giu 2014 da in Cronacaarticolo letto 1.315volte

Girandola Castel S.Angelo1

La festa di San Pietro e Paolo a Roma è un appuntamento fisso a cui romani e non partecipano numerosi ogni anno godendo delle numerose attrazioni che la capitale offre per onorare i suoi Santi Patroni.

Ieri la Capitale si è vestita del suo abito migliore per celebrare i suoi Patroni: San Pietro e Paolo, offrendo ai suoi abitanti e ai turisti una serie di spettacoli imperdibili, illuminandosi di una luce nuova.

Infiorata

 

La festa di San Pietro e Paolo a Roma è iniziata con la famosa  infiorata a via della Conciliazione, giunta ormai alla sua quarta edizione. Un tappeto di 3 mila metri quadri formato da circa cinquanta quadri realizzati da artisti di tutto il mondo con solo petali di fiori e tantissima fantasia. Uno spettacolo colorato imperdibile che partiva dai piedi di San Pietro fino a Piazza Pio XII.

Girandola Castel S.AngeloIntorno alle 21.30 tutti gli occhi erano rivolti a Castel Sant’Angelo ad ammirare il meraviglioso spettacolo pirotecnico della girandola. Questi fuochi d’artificio vennero ideati da Michelangelo e perfezionati dal Bernini e vennero proposti per la prima volta nel 1481 fino al 1870. Dopo tantissimi anni di assenza, solo nel 2008 la famosa girandola di Castel Sant’Angelo tornò per rendere onore alla festa di San Pietro e Paolo a Roma. Tantissime le persone accorse per assistere a questo meraviglioso spettacolo di luci, ambientato in uno scenario quasi da favola. Grandi e piccini già molte ore prima si erano recati nei pressi dell’edificio occupando le zone vicine e le sponde del Tevere. Tutti con il naso all’ in sù con gli occhi sgranati e la bocca aperta, capaci di stupirsi ancora per delle luci colorate, tornando bambini per un momento.

Altro quartiere altro clima, altra magia. Spostandosi verso San Paolo si respirava aria di festa proprio nei pressi della basilica del patrono che da il nome al quartiere. Anche qui è possibile vedere dei fuochi d’artificio che ogni anno chiamano a se tutti gli abitanti dei quartieri vicini. Ma quella che si respira a San Paolo è un’aria diversa da quella di Castel Sant’Angelo. Via Ostiense è abbellita da tantissime luci colorate e bancarelle che mettono allegria a chi decide di trascorrere del tempo immergendosi in un ambiente quasi di paese. Infatti la cosa bella della festa di San Pietro e Paolo in questo quartiere è che non sembra di essere a Roma, sembra di trovarsi in una di quelle feste patronali di paese che chiama a sè ogni anno tutti gli abitanti del posto, dove il senso di appartenenza e l’amore verso il proprio paese, o quartiere in questo caso, è davvero percettibile e bellissimo da vivere.

La festa patronale di San Pietro e Paolo a Roma è qualcosa di davvero travolgente, e che tu sia romano oppure no, non ha importanza, la cosa più importante è viverla.

Sara Alvaro

Share Button

OkNotizie
Sara Alvaro

Sara Alvaro

26enne appassionata di scrittura e innamorata del giornalismo. Laureata in Lettere e specializzata in Informazione, Editoria e Giornalismo. Da sei anni collaboro per testate giornalistiche online e cartacee fino ad arrivare ad essere il responsabile editoriale di una testata online da quasi due anni.

twitter facebook

Gli articoli di (26)

facebook facebook
Articoli recenti