Fuga ragazze rapite da Boko Haram in Nigeria, 63 sono tornate a casa

Fuga ragazze rapite da Boko Haram

Dalla Nigeria finalmente è arrivata la notizia tanto attesa: la fuga ragazze rapite da Boko Haram. Ragazze per le quali si era mobilitata l’opinione pubblica internazionale tra cui anche Michelle Obama, moglie del Presidente degli Stati Uniti d’America.

I sequestri portati avanti negli ultimi mesi da Boko Haram sono numerosi e hanno sempre avuto come prede donne e bambini, ma finalmente è arrivata una buona notizia confermata dalla BBC. Lo scorso venerdì 63 ragazze rapite da Boko Haram a giugno sono riuscite a scappare sfruttando il momento in cui i militanti  del gruppo estremista islamico si erano allontanati dalla prigione per compiere un altro attacco.

Le ragazze rapite a giugno a Kummabza, villagio rurale  nel distretto di Damboa, stato del Borno, nella Nigeria Nord Orientale, erano in realtà 68 e quindi alcune di esse sono ancora prigioniere, ma non finisce qui perchè  nonostante la fuga ragazze rapite da Boko Haram, sono  ancora prigioniere altre 200 studentesse rapite ad aprile dal commando estremista islamico guidato da Boko Haram e di sicuro ora si temono gesti  inconsulti per questo motivo la diplomazia internazionale è al lavoro.

CONDIVIDI