I più grandi poliglotti della storia

Nella nostra società multietnica e globalizzata la conoscenza delle lingue è sempre più considerata un elemento fondamentale nel bagaglio culturale di ogni persona. Tutti noi ci siamo cimentati nello studio di almeno una lingua straniera, ma qualcuno è andato ben oltre una: parliamo dei più straordinari poliglotti della storia.

Innanzi tutto, chi è un poliglotta? Per poliglotta in senso lato si intende un individuo in grado di padroneggiare più di una lingua straniera. Se poi queste lingue sono più di 12 si può iniziare a parlare, secondo la definizione di Hudson, di iperpoliglotta.

Ci sarebbe molto da dire anche in merito a quale sia il livello di conoscenza necessario per poter affermare di padroneggiare una lingua ma generalmente in ambito non professionale si può dire di conoscere una lingua già quando si è in grado di comunicare fluentemente in occasioni di vita quotidiana, senza necessariamente sapersi esprimere anche in registri più elevati e in ambiti professionali che richiedono la conoscenza di linguaggi settoriali come il linguaggio economico o quello giuridico.

Loading...

Ecco chi sono i più celebri poliglotti della storia:

  1. Cleopatra: secondo lo storiografo latino Plutarco la sovrana d’Egitto era infatti in grado di parlare ben 9 lingue straniere.
  2. Federico II, sovrano delle due Sicilie, che secondo le fonti conosceva 6 lingue straniere: latino, siciliano (il volgare parlato in Sicilia prima dell’unione d’Italia, dunque un sistema linguistico a tutti gli effetti), tedesco, francese, greco e arabo.
  3. Pico della Mirandola, noto filosofo e umanista italiano, conosciuto per la memoria eccezionale di cui era dotato, che parlava latino, greco, ebraico, arabo e aramaico.
  4. John Milton, autore di Paradise Lost, che oltre all’inglese parlava latino, francese, tedesco, greco, ebraico, italiano, spagnolo e aramaico.
  5. Il Cardinale Mezzofanti, che porta in alto l’orgoglio italiano con la straordinaria cifra di 78 lingue più numerosi dialetti locali. Il cardinale ha affermato che di tutte le lingue straniere che ha studiato quella che l’ha messo più in difficoltà è stata il cinese, che gli ha richiesto 4 mesi di impegno assiduo ed esclusivo per poterlo padroneggiare con sicurezza.
  6. William James Sidis, bambino prodigio con straordinarie abilità linguistiche e matematiche: a sei anni parlava già 7 lingue e nell’arco della vita si dice che sia arrivato a padroneggiarne oltre 40. È considerato l’uomo con il più alto quoziente intellettivo della storia, compreso tra 250 e 300.
  7. Per quanto riguarda i contemporanei, uno dei più celebri è il linguista statunitense Alexander Anguelles, che conosce oltre 33 lingue

Tra i più giovani infine uno dei più conosciuti in Italia è Luca Lampariello, che parla 11 lingue e possiede un blog con molti consigli utili per l’apprendimento delle lingue straniere http://www.thepolyglotdream.com/italiano/.

 

 

 

 

 

CONDIVIDI
Elisa Caminiti
Classe ’96, laureata con lode in Interpretariato e Traduzione, amo viaggiare e relazionarmi con culture diverse dalla mia. Parlo italiano, inglese, cinese, francese e non ho nessuna intenzione di fermarmi qui. Credo che non smetterò mai di studiare, anzi me lo auguro.
Loading...