Las Vegas giocatore fa causa al casinò per la perdita di 500 mila dollari: era ubriaco

casinò

Un imprenditore statunitense Mark Johnston, di 52 anni, ha perso $ 500,000 mila dollari (euro 360 milioni) in un casinò di Las Vegas e lo ha citato in giudizio perché afferma di essere stato invogliato a giocare nonostante era visibilmente ubriaco.

La causa è stata intentata il 18 febbraio nel tribunale dello stato del Nevada.

Inoltre ha affermato che non avrebbe pagato i suoi debiti di gioco poichè il personale del Casinò avrebbe continuato a portargli almeno 20 bibite alcoliche durante le 17 ore di gioco, mentre era visibilmente e completamente ubriaco.

Anche essendo un esperto giocatore, l’uomo dopo essere rientrato in albergo, l’indomani al suo risveglio non ricordava assolutamente più nulla.

Secondo la legge del Nevada, i casinò non sono autorizzati a servire i clienti visibilmente ubriachi.

Johnston ha detto alla CNN “Immaginate un ubriaco che cammina per strada, e i borseggiatori o ladri o chiunque gli prendono i soldi. Ecco come io lo definisco ciò che mi è capitato”.

Il casinò ha finora rifiutato di commentare. Si indaga sulla questione.

CONDIVIDI
Sono la Responsabile Marketing di Quotidianpost, editor ed articolista. Gestisco un mio blog di cucina Facili Idee ed un sito di guide