Lavoro: manca la circolare che applica il congedo per le vittime, anche se è legge

Donne-vittime-di-violenza-744x445

“E’ grave, può essere uno strumento per abbattere un muro”. Parole di Gabriella Moscatelli, presidentessa di Telefono Rosa. Il congedo previsto per le donne vittime di violenza fisica o sessuale, fiore all’occhiello della Jobs Act, la cui norma è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale il 24 giugno 2015, ed entrata in vigore il giorno dopo, l’Inps, l’ente di provvidenza, non ha ancora applicato la Circolare numero 65 che riguarda proprio l‘indennità.

Il decreto è rimasto lettera morta senza ancora un documento relativo alle modalità di attuazione,  circolare senza la quale le aziende non possono dare seguito alle richieste delle lavoratrici inserite in percorsi di protezione, con il diritto di astenersi dal lavoro per un periodo massimo di tre mesi, proprio come avviene per le dipendenti in maternità, senza perdere lo stipendio e continuando a maturare i contributi.

Loading...

Una legge innovativa a tutela delle donne vittime di abusi, quasi un successo del Governo Renzi, perché solo in Italia sono 6, 7 milioni le donne che almeno una volta nella vita hanno subito una violenza, con un percorso lungo e difficile da dimenticare.

Loredana Taddei, responsabile Politiche di genere nazionale della Cgil, ritiene responsabile l’Inps per non aver emanato subito la circolare, perché è un diritto scritto sulla carta e non può essere riscosso. “La norma si prefigge l’obiettivo di sostenere le donne non soltanto in termini di sicurezza individuale, ma anche sotto il profilo dell’indipendenza economica, riconoscendo il diritto a tre mesi di astensione retribuita dal lavoro”.

Dopo la pubblicazione dell’articolo, avvenuto questa mattina, l’Inps ha risposto e pubblicato la Circolare. Adesso è legge.

ANTONIO AGOSTA

 

 

CONDIVIDI
Loading...