Registrati | Accedi Area utente

Lettera dietro lo specchio: Athena Orchard muore di cancro a 13 anni

scritto il 07 Giu 2014 da in Prima paginaarticolo letto 3.450volte

athena

Lettera dietro lo specchio…..

Athena è morta la settimana scorsa…. Il cancro alle ossa non le ha lasciato scampo…. E’ morta durante la battaglia più difficile che la vita le ha dato, ma la sua battaglia contro la malattia non è stata vinta. Il suo viso e il suo sorriso, a quella vita tanto amata, che non avrebbe mai voluto abbandonare.

  ”Anche se non ci sarà un lieto fine, quello che conta è la storia”

Sono queste le parole scritte su una lettera dietro lo specchio, che i genitori della piccola Athena hanno trovato dopo la sua scomparsa. Dopo la sua morte, riordinando gli oggetti, il papà Dean e la mamma Caroline hanno ritrovato la lettera dove Athena aveva lasciato i suoi pensieri positivi, la sua gioia per quella vita vissuta di attimi.

Tremila parole per ricordare, anche ai suoi genitori, alle sei sorelle e ai tre fratelli, che

“La felicità è una direzione, non una destinazione. Sii felice. Sii grato perché esisti”.

La sua storia inizia poco prima di Natale, Athena era una ragazza solare e vitale, ma improvvisamente sviene nella cucina della sua casa, a New Park, nel Leicester, Inghilterra. Ricoverata in ospedale, le viene diagnosticata una terribile diagnosi: osteosarcoma, cancro alle ossa.

lettera

Dopo una difficile operazione di oltre 7 ore e mezza per rimuovere il tumore dalla spina dorsale, la piccola inizia il suo calvario, prima la chemioterapia, i capelli che cadono, il vomito durante i cicli, i giorni a letto e neanche la forza per camminare. Ma lei lotta…. finchè il suo cuore si arrende alla vita.

I genitori hanno deciso di parlare della loro bambina perchè tutti potessero conoscerne la spiritualità “Era una persona molto spirituale. Non ce ne aveva mai parlato, ma questo è quel genere di cose che avrebbe fatto” ha detto il padre. “Ho iniziato a leggere ma poi mi sono dovuto fermare. Era troppo, mi spezzava il cuore”,  non potevo crederci, è stato toccante”.

Tra le tremila parole dietro lo specchio:

“L’amore è raro, la vita è strana, niente è per sempre e la gente cambia. Ogni giorno è speciale, perciò vivilo fino in fondo, potresti prendere una malattia mortale domani, perciò dai il massimo. La vita è brutta solo se tu la rendi così”. Una malattia che non le ha impedito di pensare all’amore: “Sto aspettando di innamorarmi di qualcuno a cui possa aprire il mio cuore”.

Una madre distrutta dal dolore, descrive la sua dolce bambina come “una ragazza bella e atletica, la persona più coraggiosa che io abbia mai conosciuto. È sempre stata una ragazza positiva: anche quando si trovava in ospedale cercava di consolarmi e di dirmi di non piangere”. La malattia, particolarmente aggressiva, l’ha portata via in pochi mesi. “Ha lottato finché ha potuto”, ha detto la madre che ha aggiunto:“Terremo questo specchio per sempre, leggere quelle parole è come averla ancora con noi”  

Perdere un figlio quale dolore più atroce potrebbe mai esistere per una madre?

Ma cercare di farla rivivere con i ricordi è l’unico modo per andare avanti…. perchè Athena è sempre con noi, ovunque sia…….

Share Button

OkNotizie
Lorita Russo

Lorita Russo

Sono la Responsabile Marketing di Generazione Web, editor ed articolista. Gestisco un mio blog di cucina Facili Idee ed un sito di guide

twitter facebook

Gli articoli di (466)

facebook facebook
Articoli recenti