Mercoledì 21 ottobre 2015: ritorno al futuro

ritorno al futuro

Oggi, mercoledì 21 ottobre 2015 è la fatidica data nel film “Ritorno al futuro parte due”, in cui Marty Mcfly compì per la prima volta assieme al suo fedele amico, Emmet Brown “Doc”  e la fidanzata Jennifer, il viaggio nel futuro. Oggi 21 ottobre 2015, i cinema di tutta Italia riproporranno la visione del film e ovviamente non mancheranno, già ci sono stati, commenti e differenze con il futuro attuale.

Allora il 2015 era rappresentato come un millennio in cui tutto era computerizzato, in cui le macchine volavano, in cui era possibile “ringiovanirsi e cambiare il sangue” in cui i cani andavano a spasso da soli accompagnati da un robot telecomandato, le scarpe si allacciavano da sole e i vestiti avevano un sistema di autoregolazione e asciugatura automatica. Erano oltre dieci fa e il futuro era visto come qualcosa di sconvolgente e assolutamente fantastico.

Le macchine oggi non volano, e le cose non sembrano tantissimo cambiate rispetto a anni fa.

Unica cosa che nella pellicola non è prevista, è proprio l’ingresso di internet e dei moderni computer, strumento indispensabile nella società moderna per mandare avanti ogni settore lavorativo o privato. Dunque solo internet e il fantastico “mondo virtuale” ad esso connesso, non è stato assolutamente preso in considerazione nella fantasia del regista. Un errore forse imperdonabile e probabilmente decisivo.

Altri sbagli riguardano il mondo del futuro, le suddette macchine e skateboard volanti e tante altre cose che restano nel fantastico mondo dell’immaginazione.

Fantasie troppo “esaltate” forse, e immagini di un futuro che superato il 2015 avrebbe dovuto essere tutto asservito all’uomo e alla sua inventiva. Un pensiero che si suppone resterà tale anche nei secoli a venire.

CONDIVIDI