Registrati | Accedi Area utente

Operazione Mare Nostrum: recupero di due barconi, 100 bambini a bordo

scritto il 20 Mag 2014 da in Cronacaarticolo letto 1.026volte

catania_sbarco_immigrati_04

Ennesima operazione Mare Nostrum, soccorsi due barconi, a bordo dei quali vi erano 100 bambini, esattamente a sud di Capo Passero (Sicilia) la Marina Militare ha precisato che ”ieri l’elicottero di bordo della fregata Grecale ha localizzato a sud di Capo Passero due imbarcazioni di legno con moltissimi migranti a bordo. Uno dei due natanti in avaria era trainato dall’altro”.

Torna l’allarme migranti, che sta diventando una vera e propria emergenza per l’Italia, come confermato dall’agenzia europea Frontex, che solo una settimana fa ha lanciato l’allarme.

Le operazioni di soccorso sono continuate durante tutta la notte, e per le cattive condizioni del mare sono stati usati salvagenti prima del trasbordo degli migrati, a bordo della fregata Grecale e del pattugliatore Foscari, anch’esso intervenuto in soccorso. Anche due navi mercantili, sono intervenute nel soccorso, dando la precedenza prima alle donne e agli oltre 100 bambini.

Con il peggiorare delle condizioni del mare i soccorritori sono stati obbligati a fermare le operazioni di trasbordo nell’attesa di un miglioramento meteo. Le navi della Marina Militare sono rimaste in prossimità dei natanti e oggi completeranno l’imbarco dei migranti”.

L’Italia ha chiesto aiuto all’Europa che però sembra essere sorda ai nostri appelli.

Ernesto Galli della Loggia ne spiega il perché:

Ci sono solide ragioni non vuol dire affatto buone ragioni per cui l’Unione Europea, nonostante tutte le promesse, continui a fare orecchie da mercante alle ripetute, sempre più pressanti, richieste avanzate da vari Paesi mediterranei suoi membri, e innanzi tutto dall’Italia, perché di fronte all’imponenza del fenomeno dell’immigrazione sia finalmente adottata una politica comune. Una politica comune fatta ad esempio di un aiuto in mare ad opera di navi di tutte le marine europee, di distribuzione degli immigrati nell’intero territorio dell’Unione, e soprattutto di effettiva condivisione delle spese. Niente da fare, nonostante si elogi la dicitura per i diritti dell’uomo, non arriva nessuna risposta concreta. Italia, Grecia, Spagna si arrangino: se decine di migliaia di immigrati si accalcano sulle coste africane e asiatiche per entrare in quei Paesi, non sono cose che riguardano l’Ue.

Share Button

OkNotizie
Lorita Russo

Lorita Russo

Sono la Responsabile Marketing di Generazione Web, editor ed articolista. Gestisco un mio blog di cucina Facili Idee ed un sito di guide

twitter facebook

Gli articoli di (466)

facebook facebook
Articoli recenti