Il Piccolo Principe diventa un parco giochi

photo29-300x159

A Mulhouse, al confine con la Germania, il 1 luglio è stato inaugurato il parco “du Petit Prince”

Uno dei libri più amati, uno dei libri più tradotti al mondo, 220 tra lingue e dialetti, “Il Piccolo Principe”, opera omnia di Antoine de Saint-Exupéry, pubblicato per la prima volta il 6 aprile 1943, in inglese e qualche giorno dopo in francese, il 1 luglio è diventato un parco giochi.

Il libro affronta i temi del senso della vita, dell’amore, dell’amicizia e allo stesso modo il parco rappresenta un progetto educativo e poetico.

Qui, grandi e bambini potranno sognare insieme, divertendosi, percorrendo mano nella mano i sentieri delle 31 aree tematiche, di gioco e attrazioni, che ricreano le atmosfere fiabesche del libro.

Il parco giochi “du Petit Prince” è il primo “parco aereo” esistente al mondo. Infatti, le sue attrazioni principali sono due mongolfiere che permettono ai visitatori di vedere il paesaggio montuoso dei Vosgi e dell’Alsazia a 150 metri d’altezza. Anche il bar del parco è sospeso a 35 metri dal suolo.

L’omaggio è senz’altro all’autore dell’opera, Saint-Exupéry, che oltre ad essere uno scrittore era anche un aviatore. È, infatti, presente anche un biplano come quello col quale scomparve l’autore nel 1944, precipitando nel Mar Tirreno nel pieno della Seconda Guerra Mondiale.

Personalmente, la parte che preferisco di più del libro è l’incontro del Piccolo Principe con la volpe e all’interno del parco sarà possibile incontrare vere volpi, magari una di loro si farà anche “addomesticare”.

Ma non è finito qui, nel parco ci saranno un cinema 3D, un planetarium, un roseto, la serra delle farfalle, un labirinto, delle giostre e si potrà prendere parte ad una simulazione di volo.

Il parco giochi “du Petit Prince” sorge al posto del Bioscope, un parco a tema ambiente e salute chiuso nel 2012, in quanto, in sei anni di attività aveva accumulato 28 milioni di euro di debiti. Come una fenice, il parco del Piccolo Principe, sorge dalle ceneri dei debiti, con una rinnovata magia.

Con le vacanze alle porte, si potrebbe pensare di seguire il proprio cuore … “L’essenziale è invisibile agli occhi”, sognando e ridiventando bambini.

Informazioni utili per visitare il parco

Dove si trova: le Parc du Petit Prince si trova a pochi chilometri da Mulhouse.

Come arrivare: il parco si trova a Ungersheim, a 18 km dal TGV di Mulhouse e a 40 km dall’aeroporto di Basilea – Mulhouse.

Orarifino al 31 Agosto: tutti i giorni dalle 10 alle 19;

dal 1 Settembre al 2 Novembre: tutti i giorni dalle 10 alle 18;

dal 20 dicembre al 4 Gennaio: tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Biglietti: intero (a partire dai 12 anni di età) 22 euro;

bambini dai 3 agli 11 anni 16 euro;

bambini sotto i 3 anni gratuito;

Biglietto Famiglia (2 adulti e 2 bambini) 69 euro.

I biglietti sono acquistabili anche online.

Dove mangiare: all’interno del parco c’è un ristorante, un Caffè, diversi chioschi di panini e bibite.

Dove dormire: sul sito del parco, a questo link, sono segnalati diversi hotel.

Carmen Giordano

CONDIVIDI
A volte forse ... un po’ sopra le righe, ma questa caratteristica mi permette di adattarmi alle situazioni più varie. Sono Carmela Giordano, ma preferisco essere chiamata Carmen, ormai è tutta la vita che mi presento così e a volte mi sbagliano anche i documenti, ma non fa niente, si correggono. Nel 2001 mi laureo il psicologia presso l’ateneo di Urbino. Il lavoro di tesi mi porta ad avvicinarmi ad un mondo “senza parole” fatto di sensazioni, ad un mondo dove … “non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi” (da Il piccolo principe). Divento insegnante di massaggio infantile e socia dell’AIMI, Associazione Italiana Massaggio Infantile. Negli anni, conseguo altre certificazioni, perfezionamenti e specializzazioni. Con la tesi di specializzazione, discussa nel novembre del 2008, riesco ad unire le due passioni della vita: il teatro, con lo studio del "Metodo Stanislavskij" e la psicologia, con l’ottica Funzionale. Nel tempo mi sono occupata di tanti ambiti diversi: clinica, formazione, psicodiagnosi, marketing ed organizzazione di eventi, editoria ed altro.