Registrati | Accedi Area utente

Probabile svolta positiva per Silvio Berlusconi. Irretroattività della legge Severino.

scritto il 22 Gen 2014 da in Politicaarticolo letto 1.716volte

berlusconi2

La Corte Europea Dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, ha accettato il ricorso sulla retroattività della legge Severino. Attenzione: non è il caso di Berlusconi, ma è un caso analogo, che vede protagonista Marcello Miniscalco, segretario regionale del Psi del Molise (estromesso dalle elezioni del 2013, a seguito di una condanna per abuso di ufficio, verificatosi prima del 2012).

Per Silvio Berlusconi, le cose potrebbero cambiare. Una disposizione normativa delle legge Severino, statuisce, che è incandidabile chi è stato condannato ad una pena pari o superiore ai due anni. La norma è stata approvata nel dicembre 2012. Berlusconi, nonchè la sua “squadra” e i suoi avvocati, dicono che la legge non è retroattiva, dunque, non è applicabile ai reati commessi prima della sua data di approvazione. Silvio Berlusconi, già a settembre, si era rivolto alla Corte Europea Dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, eccependo la violazione dei suoi diritti.

Le speranze per Berlusconi, consistono nel far venir meno la decadenza e scontare la pena dei due anni dell’interdizione dai pubblici uffici, con la prospettiva di essere candidabile nel 2016.

Share Button

OkNotizie
Eliana Gaito

Eliana Gaito

facebook

Gli articoli di (12)

facebook facebook
Articoli recenti