RECENSIONE DI MANDAMI UNA FARFALLA, ROMANZO DI ALESSIO MASCIULLI

mandami una farfalla

Mandami una farfalla è il secondo romanzo di Alessio Masciulli, scrittore di Catignano, nella provincia di Pescara, giovane uomo pieno di creatività e di entusiasmo, dalla cui penna sono già usciti, nel corso degli anni, molte poesie e già un altro romanzo, Credevo bastasse amare, del 2008, da cui è iniziato tutto.

I primi due libri di Alessio sono caratterizzati dalla particolarità di essere entrambi autobiografici: c’è molto dell’autore, infatti, in entrambe le opere.

Loading...

In Credevo bastasse amare Alessio affronta la prova che gli ha posto dinanzi la vita e che lo ha portato a continuare a vivere attraverso la scelta di intraprendere il percorso della scrittura: nel suo primo romanzo Alessio affronta infatti il tema delicatissimo e devastante della scomparsa tragica, in un incidente stradale, della ragazza amata, Silvia e tra vivere o morire Alessio sceglie di vivere, affidando i pensieri e i sentimenti proprio alla scrittura.

E se Credevo bastasse amare è il romanzo della scelta tra l’esistere e il non esistere, Mandami una farfalla, è il romanzo della rinascita.

In quest’opera la vita di Alessio -ragazzo che pensa con il cuore e si affida alle sue emozioni ma che, oltre ad essere una “creatura emozionale” è anche un uomo determinato e razionale – si intreccia con l’esistenza di una umanità variegata, in un mondo dove ognuno vive la propria tragedia quotidiana, oltre alle gioie tipiche e un po’ finte di un’esistenza apparente: c’è Claudia, ragazza tangibilmente viziata e superficiale, che nella realtà del proprio cuore nasconde da anni la più infame delle tragedie, ossia il sopruso degli abusi sessuali da parte dell’uomo che l’ha messo al mondo; solo grazie ad Alessio, indirettamente, la giovane donna troverà finalmente il coraggio di denunciare alla legge il suo martirio; c’è poi la piccola Sophie, in coma da tempo, che ogni giorno lotta per non soccombere alla fine e lo fa sotto gli occhi pieni d’amore della nonna, vero angelo di Dio, come le nonne sanno essere, per dono innato.

E poi ci sono tutte le figure femminili che ruotano intorno ad Alessio, ognuna nella sua personale ed incessante ricerca di amore e di conferme dalla vita; e proprio attraverso l’esistenza di ognuna di loro, Alessio troverà finalmente la sua dimensione dentro il mondo, e lo farà affidandosi ogni volta ad una farfalla che comparirà magicamente davanti ai suoi occhi ogni volta che la vita gli domanderà di compiere una scelta e di imboccare una strada a discapito di un’altra.

Romanzo lineare, pur nella sua variopinta coralità, che si legge tutto di un fiato, che non conosce attimi di cedimento, con un linguaggio ricco che arriva semplice, diritto in fondo al cuore e che a colui che legge dona un messaggio profondo, di positività, quella positività che poi di fatto è dentro ad ogni parola di Alessio, dello scrittore e l’uomo.

CONDIVIDI
Loading...