Spagna: legge Beckam riforma fiscale per i calciatori stranieri superstipendiati

spagna

In Spagna la riforma fiscale per i calciatori stranieri superstipendiati sta per cambiare.

La legge ” Beckam” in vigore dal 2005 consentiva di pagare al fisco una aliquota minima del 24% sui propri compensi. dal 2015 la legge subirà un cambiamento, per i salari superiori ai 600mila euro l’aliquota salirà al 47%

La cosiddetta legge Beckham (Decreto reale 687/2005)  approvato dal governo Aznar nel giugno 2005 . La legge fra le altre cose prevedeva un’aliquota di tassazione ridotta dal 43% al 24% per tutti i lavoratori stranieri in Spagna con introiti superiori ai 600.000 euro annuali.

Era stata creata per favorire il soggiorno di medici e scienziati in Spagna, poi usata dai club calcistici per attirare fuoriclasse stranieri.

La normativa fiscale dava diritto a chiunque trascorreva più di 183 giorni in Spagna  a pagare le tasse all’erario iberico come fosse un residente.

Vediamo in Inghilterra come l’aliquota sugli stipendi dei calciatori è al 50%, in Bundesliga al 45%, in Serie A al 43% e in Ligue 1 al 40%. Ricordiamo che i club spagnoli hanno potuto ingaggiare  campioni come Kaká, Zlatan Ibrahimović, Cristiano Ronaldo pagandoli il 33% in meno rispetto agli altri club  europi.

Dal 2015 la riforma fiscale che adeguerà la Spagna al pari delle altre nazioni Europee.

CONDIVIDI
Sono la Responsabile Marketing di Quotidianpost, editor ed articolista. Gestisco un mio blog di cucina Facili Idee ed un sito di guide