Trapianto di testa nel 2018

Il primo trapianto di testa sarà realizzato nei primi mesi di gennaio 2018, è stato annunciato dal neurochirurgo italiano Sergio Canavero.

Sarà lui a dirigere l’intervento, convinto sostenitore ormai da molti anni che il trapianto di testa è un intervento fattibile. Precedentemente il trapianto di testa era stato pianificato per la fine di quest’anno, ha poi subito un rinvio a seguito della rinuncia di colui che fino ad oggi si era offerto come volontario, il russo Valery Spiridonov.

Sergio Canavero è un neurochirurgo controverso e spesso criticato, che potrebbe rifarsi      ai tanti esperimenti stile Frankenstein che rianimavano i cadaveri umani. Direttore del gruppo di neuromodulazione avanzato di Torino, insieme ai suoi collaboratori ritiene che possa condurre il primo trapianto di testa umana.

Loading...

Sono stati evidenziati dagli studi e piani effettuati, che è possibile ricollegare il midollo spinale di una testa su un altro corpo attraverso stimolazioni sul sistema nervoso in cadaveri umani freschi, il tutto grazie all’uso di impulsi elettrici.

Come si svolgerà l’intervento trapianto della testa

Non si hanno molte notizie sull’esatta dinamica dell’intervento, ma naturalmente si tratterà di ricollegare muscoli, pelle e vasi sanguigni. Come collante tra la testa e il corpo ridonato si userà il PEG, il Polietilenglicole. Per accelerare la connessione tra i neuroni si farà invece ricorso all’elettrostimolazione, nel frattempo il paziente dovrà restare in coma farmacologico per alcune settimane.

L’operazione non sarà più eseguita su Valery Spiridonov, l’uomo russo con cui Canavero lavora da quasi due anni, il giovane ragazzo che soffre della malattia di Werdnig-Hoffman detta anche atrofia muscolare spinale ha rinunciato.

L’intervento del trapianto di testa sarà ugualmente realizzato, ed avrà luogo in Cina su un cittadino cinese di cui attualmente non si hanno informazioni sul nome. Un comunicato rilasciato dall’OOOM , la società media che gestisce la stampa di Canavero ha annunciato che Spiridonov, “che per lungo tempo è stato considerato come il primo paziente trapiantato, non sarà più la persona a ricevere un nuovo corpo “.

Intervistato dal Daily Mail, ha detto che non si sottoporrà all’intervento poichè “il medico non poteva promettergli quello che voleva e la fidanzata non ha accettato la sua precedente decisione”.

L’intervento è di natura pionieristica, e non avendo alcuna garanzia da parte del dottore, di poter ritornare a camminare, e inoltre dovuto ai rischi di sopravvivenza durante l’operazione, Spiridonov si è declinato. Il giovane russo ha deciso così di affidarsi a nuove cure, userà una specifica struttura in acciaio, che gli consentirà di sostenere la spina dorsale in posizione eretta.

Il dottor Canavero durante un’intervista con l’agenzia Ria Novosti, ha dichiarato di voler proseguire l’intervento insieme al collega Ren Xiaotingha famoso quest’ultimo per aver compiuto con successo esperimenti sui topi.

Sarebbero stati esattamente 9 gli esperimenti sui topi, per separare e ricollegare i midolli spinali, inoltre è stato effettuato anche un test su di una scimmia sopravvissuta per 20 ore al trattamento prima di essere soppressa.

L’animale era stato collegato solo per quanto riguarda il sangue ma non il midollo spinale. Il dottor Canavero ha affermato che l’esperimento dimostra che la scimmia non solo è sopravvissuta ma non ha subito danni al cervello poichè la testa è stata raffreddata a -15 ° C.

Tuttavia, senza un cavo spinale collegato, l’animale sarebbe rimasto paralizzato dal collo in giù, per questi motivi hanno mantenuto vivo l’animale per soli 20 ore dopo l’operazione.

CONDIVIDI
Lorita Russo
Sono l' Amministratrice e Responsabile Marketing di Quotidianpost, editor, articolista e reviewer. Gestisco un mio blog di cucina Facili Idee. Sono proprietaria di un canale youtube e di un gruppo di cucina di 58.000 follower.
Loading...