Tre giorni di lutto nazionale in Colombia per la morte di Gabriel Garcia Marquez

0
5

Gabriel-Garcia-Marquez

Tre giorni di lutto nazionale in Colombia per la morte di un grande letterario, lo scrittore e giornalista che ha cambiato la vita dei suoi lettori, così il presidente della Colombia Juan Manuel Santos annuncia il decesso del premio Nobel colombiano.

Gabriel Garcia Marquez è morto a Città del Messico. alla veneranda età di 87 anni, ricoverato per un problema respiratorio e un’infezione in una clinica di Città del Messico. Era stato premiato con l’onorificenza del Nobel per la letteratura nel 1982.

Nato il 6 marzo del 1927 a Aracataca in Colombia. Gabo, così soprannominato, era considerato il maggior esponente del cosiddetto realismo.

In un titolo a tutta pagina il quotidiano di Bogota El Espectador scrive “Per sempre Gabriel”.

Autore inconfutabile di una  prosa scorrevole, ricca, immaginifica e costantemente pervasa di una amara ironia; la struttura dei suoi romanzi complessa e articolata, con frequenti intrecci fra realtà e fantasia, fra storia e leggenda, con una grande padronanza nel gestire diversi piani di lettura, anche allegorici.

Nel 1999 gli viene diagnosticato un cancro linfatico che lo coinvolse a iniziare a scrivere le sue memorie. 

Nel 2002 pubblicò la prima parte della sua autobiografia intitolata Vivere per raccontarla. Ma nel 2005  García Márquez, vinse la sua battaglia contro il cancro, è tornò alla narrativa con quello che è tuttora il suo ultimo romanzo Memoria delle mie puttane tristi, mentre nel 2010, riprese la sua autobiografica.

Il Presidente  della Colombia Santos insieme a diversi capi dello Stato latinoamericani annunciano con un twetter ”mille anni di solitudine e tristezza per la morte del piu’ grande dei colombiani di tutti i tempi. Solidarietà e condoglianze a Gabo e la famiglia”.

Addolorato anche il presidente americano Barack Obama ”Con la morte di Gabriel García Marquez, il mondo ha perso uno dei suoi più grandi scrittori visionari e uno dei miei preferiti sin da quando ero giovane”. Lo scrittore ha ricevuto il Nobel con il suo capolavoro ‘Cent’anni di Solitudine’. Obama descrive il grande ”Gabo” ( soprannominato affettuosamente con questo diminutivo da tutti i suoi fans) affermando che ebbe piacere di incontrarlo in Messico anni fa, dove venne omaggiato di una copia del grande capolavoro con dedica. Le più sentite condoglianze vanno alla sua famiglia e ai suoi amici, che spero abbiano conforto nel fatto che l’opera di Gabo continuerà a vivere per le generazioni a venire” così Obama conclude il suo discorso.

Particolare il twetter di Shakira . “Caro Gabo, una volta mi hai detto che la vita non è quella che uno ha vissuto, bensì quella che uno ricorda e come la ricorda per raccontarla. La tua vita, caro Gabo, la ricorderemo come un regalo unico e irripetibile, il più originale dei racconti”:

- Pubblicità -
CONDIVIDI
Lorita Russo
Sono la Responsabile Marketing di Generazione Web, editor ed articolista. Gestisco un mio blog di cucina Facili Idee ed un sito di guide