Hunger

Immagine 23

Scoprire i film diretti da Steve McQueen, giovane regista inglese di colore, e innamorarsi del suo cinema è stato tutt’uno. Questo suo primo lungometraggio ha subito mostrato, assieme al suo attore feticcio Michael Fassbender, tutto il suo valore e anche quello dell’attore. Fa star male ma si partecipa alla sofferenza del protagonista, un enorme Michael: raramente si è visto un attore “diventare” così il suo personaggio. Storia terribile e grandissimo cinema, attoriale e autoriale. Vincitore della Caméra d’or per la miglior opera prima del 61º Festival di Cannes e dell’European Film Awards per la miglior rivelazione – Prix Fassbinder 2008.

21.00 – Sky Cult (314)
HUNGER
idem, Gran Bretagna/Irlanda 2008, dramma storico, sceneggiatura di Enda Walsh e Steve McQueen, regia di Steve McQueen
Michael Fassbender: Bobby Sands
Liam Cunningham: Padre Dominic Moran
Stuart Graham: Raymond Lohan
Brian Milligan: Davey Gillen
Liam McMahon: Gerry Campbell
Helen Madden: madre di Bobby
Des McAleer: Mr. Sands, padre di Bobby
Helena Bereen: madre di Raymond
Laine Megaw: moglie di Raymond
Karen Hassan: fidanzata di Gerry
Frank McCusker: The Governor

Loading...

Il film ricostruisce il trattamento riservato ai prigionieri politici nel carcere di Long Kesh in Irlanda del Nord. Protagonista è Bobby Sands appartenente alla Provisional IRA, che per ottenere il riconoscimento di prigionieri politici per i membri dell’IRA, organizza uno sciopero della fame in cui perderà la vita. Prima di ricorrere allo sciopero della fame i detenuti repubblicani avevano anche fatto la blanket protest (rifiutandosi di indossare l’uniforme carceraria coprendosi solo con delle coperte) e la dirty protest (rifiutandosi di radersi, tagliarsi i capelli e di usare i bagni, spargendo i propri escrementi sui muri). Nel film vengono evidenziate la violenza e l’efferatezza con cui le guardie carcerarie malmenano e torturano i prigionieri, la determinazione e spirito di sacrificio del protagonista e degli altri prigionieri, che persero la vita lottando per la causa dell’indipendenza.