M5S, Pizzarotti non sarà al Circo Massimo

images

 

Le tre giornate romane targate M5S continuano a far discutere. Nei giorni scorsi la polemica tra il Movimento ed il sindaco Marino sulla gestione della festa dei pentastellati in programma dal 10 al 12 ottobre al Circo Massimo aveva riempito le prime pagine dei quotidiani.

Loading...

Oggi invece la discussione sembra essere interna al partito (anche se il leader Grillo preferisce chiamarlo movimento). Infatti Federico Pizzarotti, sindaco M5S di Parma, non farà interventi dal palco.

A deciderlo probabilmente sarà stato il duo Grillo-Casaleggio, corpo e mente del movimento, già in passato oggetto di critiche dallo stesso Pizzarotti che riconosceva come poco democratici i metodi di decisione interna al partito.

Ovviamente il primo cittadino parmigiano sembra cadere dalle nuvole: “Lo vengo a sapere dalla stampa” ammette, “ma non avevo pretese o richieste in merito. E anzi, sarò al Circo Massimo per conoscere persone”. Nega di esserne deluso, quindi.

Cosi Federico evita di mettere carne sul fuoco e cambia strategia: non solo critiche, ma consigli per il dopo-Grillo. È infatti l’argomento leadership che preme il primo cittadino, trovare una guida valida, competente, dopo il mezzo flop delle scorse elezioni.

E a chi gli fa il nome di Di Maio, già  vicepresidente della Camera, lui scuote il capo: “È competente, ma non basta”. Serve una squadra e dei nuovi temi, ossia i requisiti di un vero movimento, come ama chiamarlo Beppe dall’alto del suo Web.

La diatriba quindi sembra continuare, mentre incuranti, alcuni militanti 5 Stelle, si occupano di polemiche meno auliche e più terra-terra, ed armati di ramazza, vanno a pulire il Circo Massimo.

 

La leadership è il loro primo pensiero, ma anche la pulizia, dopo le infinite polemiche col Comune di Roma, non scherza.