Prigione numero 5 Il diario dal carcere dell’artista, attivista e giornalista curda Zehra Doğan.

Prigione numero 5. Il diario dal carcere dell’artista, attivista e giornalista curda Zehra Doğan. Una testimonianza autobiografica di straordinario coraggio e profonda ingiustizia.

Prigione numero 5. Il diario dal carcere dell’artista, attivista e giornalista curda Zehra Doğan. Una testimonianza autobiografica di straordinario coraggio e profonda ingiustizia. in libreria con BeccoGiallo Editore.

Prigione n°5 è uno straordinario libro d’artista, un documento storico, un’azione politica sulla repressione dei curdi nel Medio Oriente. Perché, come scrive Elettra Stamboulis nella sua prefazione, “Zehra Doğan si è trovata ad essere la voce più autorevole, la sintesi iconica di queste molte voci silenziate. E non è un caso che sia una donna”.

- Advertisement -


Realizzato quasi interamente durante la prigionia,

sul retro della carta delle lettere ricevute dall’amica e compagna Naz Oke, il libro colpisce per la sua autenticità, per la sua forma, per la sua forza.
Non capisco perché veniamo gettati in prigione. Ne usciamo ancora più forti”.

“Prigione numero 5” è il risultato di un lavoro ostinato e creativo che ha trasformato quasi tre anni di reclusione in resistenza e lotta.

- Advertisement -

È la storia di Zehra Doğan, una attivista, giornalista e artista contemporanea curda, condannata per un disegno e gettata nella prigione numero 5 di Diyarbakir, nella Turchia orientale. Una prigione inscritta nella storia del paese come un luogo di persecuzione, ma anche di resistenza e di lotta del popolo curdo. I disegni che lo compongono, fatti uscire clandestinamente dalla prigione numero 5, sono stati fatti da Zehra Doğan nonostante la mancanza di materiale, sfidando muri e divieti.

Le idee non possono essere prigioniere. Trovano la loro strada, scivolano dentro le fessure, attraversano le finestre con le sbarre e le crepe dei muri. Evitano agili il filo spinato. Raggiungono l’esterno della prigione come rami d’edera. E alla fine, arrivano a noi.

- Advertisement -

Zehra Doğan è un’artista, attivista e giornalista curda, incarcerata dalle autorità turche per un disegno.

 Le sue opere sono state esposte al Peace Forum di Basilea, al Drawing Center di New York, alla Tate Modern di Londra, al Museo di Santa Giulia di Brescia, al PAC di Milano, all’Opéra de Rennes e alla Biennale di Berlino. Nel 2020 ArtReview l’ha inserita tra i 100 artisti più influenti al mondo.

Titolo: Prigione numero 5
Autrice: Zehra Doğan
Caratteristiche: 128 pp. col., cartonato
ISBN: 9788833141480

20,00€