Roma 5 dicembre 2014: sul palco live del Jailbreak arrivano gli Ushas

int

Sarà un venerdì all’insegna del rock quello che attende il pubblico del Jailbreak Live Club.

Sul palco del locale si esibiranno, infatti, gli Ushas, un gruppo che è nato negli anni Novanta e che lega il suo nome alla dea dell’Aurora, la quale – secondo la tradizione indiana dei Veda – è figlia del Signore della Luce e del Cielo. Un richiamo mitologico e religioso, perciò, importante, che nel corso degli anni la band non ha mai disatteso.

Loading...

Così, sotto i riflettori, torneranno per il pubblico della Capitale, Filippo Lunardo, fondatore degli Ushas, nonché autore delle musiche e dei testi delle loro canzoni, Giorgio Lorito, la voce della band, Guido Prandi, il bassista, e Giorgio Ottaviani, il batterista.

Nei diversi concerti, che hanno tenuto, gli Ushas hanno condiviso il palco con nomi altisonanti del panorama internazionale. Tra questi basti ricordare Maurizio Solieri (Vasco Rossi), Pino Scotto (Vanadium) o, ancora, Paul Di’Anno (Iron Maiden).

dent

Nel 2013, poi, la band pubblica il suo primo lavoro in studio, dal titolo Verso Est, diffuso dalla casa discografica Agoge Records.

La musica degli Ushas rappresenta la concretizzazione artistica di diverse esperienze, che convergono e creano uno stile unico, un hard rock moderno, che porta, tuttavia, con sé delle con venature classiche.

I testi dei brani di questa band parlano spesso di viaggi effettuati con la moto, raccontano di filosofia e di arte, mettono in evidenza elementi della tradizione culturale buddhista indo-tibetana. Venerdì il pubblico del Jailbreak potrà, poi, ascoltare anche il singolo Shri Heruka, tratto proprio dal loro album dello scorso anno.

Ad aprire la serata saranno i Neverhush, un gruppo, che dal 2003 ad oggi ha fatto moltissime esibizioni live ed ha anche prodotto un disco, dal titolo Mai silenzio, grazie al quale è arrivato sesto ad Emergenza Rock, quinto al Dream Wave e si è conquistato l’ammissione alle semifinali di San Remo Rock.

Dunque, quella del 5 dicembre non sarà una serata che potrà passare inosservata. Il Jailbreak Live Music si conferma così, ancora una volta, il tempio rock della Capitale…l’entrata costa cinque euro e nel biglietto è anche compresa la consumazione di uno shot. Se, poi, oltre alla buona musica, si ama anche la birra, allora ci si troverà proprio nel posto giusto e al momento giusto.

 

Potrebbero interessarti anche