Sudan: Mariam una ragazza cristiana condannata a morte perchè non vuole diventare musulmana

sudan

Un tribunale nel Sudan ha condannato a morte per impiccagione Mariam Yehya Ibrahim, 27 anni è incinta di otto mesi. La donna cristiana è stata accusata di apostasia (definisce l’abbandono formale e volontario della propria religione). La madre della giovane è cristiana, mentre il padre è musulmano.

Il giudice ha condannato Mariam alla pena di 100 frustate per adulterio. Capi d’ambasciate dei Paesi occidentali e organizzazioni in difesa dei diritti civili hanno chiesto l’immediato rilascio, ma al momento nessuna risposta è giunta.

Loading...

La Commissione delle Nazioni Unite per i Diritti Umani riconosce l’abbandono della propria religione come un diritto umano legalmente protetto dal Patto internazionale sui diritti civili e politici  della libertà di avere o di adottare una religione o credo.

L’articolo 18 della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo recita: «Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.»

Il giudice Abbas Mohammed Al-Khalifa aveva chiesto alla ragazza di rinunciare alla fede e convertirsi di nuovo all’islam, per evitare la pena di morte, ma la giovane ha rifiutato tale verdetto. “Ti abbiamo dato tre giorni di tempo per rinunciare, ma insisti a non voler far ritorno all’islam. Ti condanno a morte per impiccagione”, ha detto il giudice.

Tutto ciò avvenuto nel distretto di Karthoum. L’occidente ritiene inverosimile una cosa del genere, la libertà negata sul proprio credo viene a cadere. Uccidere in nome di Dio non ha senso. Per quanto le leggi siano diverse in tutti i Paesi del mondo, non possiamo fermarci solo a leggere e guardare, dobbiamo intervenire e diffondere questa notizia affinchè ci sia un intervento mondiale. Dobbiamo salvare Mariam e tutte le altre persone che in futuro potrebbero ricevere una condanna del genere. Non è possibile più uccidere un essere umano senza colpe in nome del Signore, perchè la religione non vuole morti, ma vuole amore.

Lasciate un vostro commento, un vostro pensiero……

4 Commenti

  1. This is a breach of Human Rights. This woman has done nothing wrong, how can anybody, in their right mind, believe, in such,a law? The woman is also pregnant , how can anyone impose 100 lashes on her and her unborn child ?

    Please put a stop to these insane way of thinking.

  2. it is unacceptable that this poor woman suffers a horror. The world must rebel. the world must be saved at all. you are right ..! the baby die?? no no no you can not .

  3. Angelo sono le leggi del Sudan che bisogna cambiare… l’estremismo che vige…sia nel codice penale che nell’islam…

Comments are closed.