Ricordando le vittime dell’11 settembre.

2 997 persone persero la vita ed oltre 5 400 i malati terminali in seguito all'attacco alle Torri Gemelle.

Sono passati ben 16 anni dalla serie di attentati dell’11 settembre, dove per mano di 19 uomini di Al Quaeda ed Osama Bin Laden, persero la vita 2 997 persone e 6 000 furono i feriti.

Quella mattina vennero dirottati 4 velivoli di linea passeggeri diretti verso la California.
Due si scontrarono contro le Torri Gemelle, causando crolli e danni agli edifici vicini. Un aereo venne fatto schiantare contro il Pentagono, sede della Difesa degli Stati Uniti d’America. Il quarto, diretto verso la Casa Bianca o il Campidoglio, venne fatto schiantare dai passeggeri che cercavano di riprendere il controllo dell’aereo all’interno di un campo.

Le immagini fecero in pochi minuti il giro del mondo.
Vi fu un enorme dispiego di forze dell’ordine e volontari, quest’ultimi mossi da sentimenti nobili o semplicemente alla ricerca dei propri cari.

Loading...

Furono i primi ad entrare in contatto con le tossine sprigionate dal crollo delle Torri.

Gli ultimi dati aggiornati al 2016, mettono in evidenza un ulteriore numero terrificante legato a questa giornata ormai passata alla storia come il più grave degli attentati terroristici dei nostri tempi.

5 400 sono i cittadini che hanno contratto malattie legate al contatto con le polveri delle Torri.
L’86% di essi furono tra i primi a prestare soccorso.

Dati allarmanti se si pensa alle dichiarazioni di John Feal, un ex pompiere e fondatore di un’associazione che sostiene i paramedici dell’11 settembre:
Sono stato ai funerali di 54 pompieri dall’11 settembre, 52 di loro erano morti di cancro.”

CONDIVIDI
Maria Fazio
“Ogni riccio è un capriccio, ama la fotografia e imparare cose nuove. Nel frattempo studia Comunicazione presso l’Università della Calabria e collabora con il periodico “In Cammino”.
Loading...