Bari: un arresto e 20 indagati per furto di farmaci

I reati contestati sono furto, autoriciclaggio, ricettazione, esercizio abusivo della professione di farmacista

I Carabinieri del NAS di Bari hanno notificato un avviso ad almeno venti persone, imputate a vario titolo nella vicenda, per furto, autoriciclaggio, ricettazione di farmaci.

Tra queste persone anche un farmacista raggiunto dall’avviso di denuncia per il reato di esercizio abusivo della professione.

- Advertisement -

Questo il risultato delle indagini svolte a partire da maggio 2023 da parte del corpo dei NAS, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bari.

Tutto è iniziato quando un deposito di Modugno aveva sporto denuncia a seguito di costanti e ripetuti ammanchi di medicinali dai propri magazzini. E non si trattava solo di farmaci, mancavano sempre all’appello anche cosmetici, integratori e dispositivi medici. I primi ammanchi erano stati imputati a errori o imprecisioni di contabilizzazione del magazzino, poi però questo episodio si è verificato con cadenza regolare nell’arco degli ultimi due anni.

- Advertisement -

Il deposito di Modugno nella denuncia presentata in maggio 2023 ha dichiarato perdite di merce per un valore di 120mila euro.

Dalle indagini è emerso che un dipendente, un uomo di 51 anni originario della provincia nord di Bari, prelevava quasi quotidianamente confezioni di prodotti dal magazzino dove era addetto. E’ risultato che la refurtiva veniva poi rivenduta direttamente dall’uomo applicando una riduzione media del 20% al prezzo di listino originario.

- Advertisement -

L’uomo era stato fermato dalle forze dell’ordine nel luglio 2023 mentre, dopo essere stato ripreso nell’atto di sottrarre i prodotti dal magazzino, si stava allontanando con il carico nascosto nella propria auto. L’arresto dell’uomo ha fatto scoprire una rete più complessa che ha portato alla notizia odierna.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.