Gli scienziati hanno creato il nuovo oro leggero

Un team di scienziati ha creato il nuovo oro leggero, ecco come è realizzato e quali sono le sue propritetà ed ambiti di utilizzo

Un team di scienziati ha realizzato un materiale speciale, un oro 18 carati particolarmente leggero perché creato con una matrice in plastica e non con lega metallica. Questa scoperta può essere un’ottima notizia per chi ama indossare gioielli oppure orologi d’oro. Il motivo sta nel fatto che potrà indossare gli stessi accessori luccicanti scomodi e pesanti, ora molto più leggeri e comodi.

Le proprietà del nuovo oro leggero

Gli scienziati dell’ETH, guidati dal professore Raffaele Mezzenga, hanno messo a punto questo nuovo materiale pesante dieci volte meno dell’oro a 18 carati. La miscela tradizionale si realizza con ¾ d’oro e ¼ di rame. L’oro leggero ha una densità di 1,7 g/cm 3 , contro una densità di 15 g cm 3  dell’oro tradizionale.

Eppure, anche questo oro è 18 carati, come è possibile ciò? Semplice a dirsi: invece della lega metallica, è stata utilizzato un composto ottenuto da fibre proteiche e lattice polimerico, dove sono stati incorporati micro dischi di nanocristalli d’oro. In più sono presenti piccole sacche d’aria che non sono visibili ad occhio nudo.

Lo studio dei ricercatori è stato pubblicato sulla rivista Advanced Functional Materials

Caratteristiche dell’oro leggero

L’oro leggero ha le proprietà materiali della plastica, e in caso di cadute su una superficie dura, si comporta esattamente come una plastica. Tuttavia conserva la lucentezza dell’oro metallico, e può essere lavorato e lucidato esattamente come l’oro tradizionale.

Lo scopo degli scienziati ora è quello di regolare la durezza di questo nuovo materiale. Inoltre possono sostituire il lattice con altre materie come il polipropilene, poiché può “fondersi” a temperature più basse. Cambiando le nanoparticelle, si potrebbe anche cambiare il colore, rendendo il materiale adatto a diverse produzione.

I ricercatori però vogliono specificare che l’oro plastico sará impiegato sia per l’industria dei gioielli sia per effettuare schermature contro le radiazioni o per applicazioni nell’elettronica, come in alcuni impianti stereo che necessitano di fili in oro per migliorare la conduzione e la qualità del suono.

Leggi anche: Dai rifiuti elettronici una miniera d’oro