iPhone indistruttibile, precipita dall’aereo dell’Alaska Airlines e rimane intatto

Dal Boeing 737 Max, Alaska Airlines, è caduto un iPhone al momento della rottura e distacco del portellone di emergenza. Un esperto spiega il perché non si è distrutto nonostante cinquemila metri di volo.

Gli incidenti aerei danno vita anche all’attività di ricerca dei rottami, è importante sapere dove sono caduti, come sono caduti e se hanno fatto danni. In più, un rottame come portelloni distaccati o viti ritrovate permettono di fare analisi e calcoli utili a capire le cause di un incidente aereo.

Alaska Airlines: Boeing 737 Max, l’incidente

La vicenda di ieri è molto seria, il Boeing 737 Max era già conosciuto per gli schianti nel 2018 e 2019 in Indonesia e in Etiopia. Nei giorni scorsi non si è schiantato ma sulla tratta Oregon-California è stato costretto ad un atterraggio urgente dovuto al distaccamento del portellone di emergenza. A bordo c’erano 174 passeggeri e 6 dipendenti della compagnia, tutti salvi ma molto spaventati e sconcertati. Dall’aereo non caduto solo uno sportellone ma anche un iPhone rimasto integro nonostante un volo di cinquemila metri.

- Advertisement -

L’iPhone era in mano ad un passeggero durante il volo

L’iPhone recuperato dai cacciatori di rottami è stato strappato dalle mani del proprietario. La cabina si è depressurizzata e il telefono è stato catapultato e forse anche con violenza dall’aereo. Il telefono è stato ritrovato con schermo integro e non solo, anche le funzioni non sono state compromesse. Gli addetti della compagnia lo hanno trovato con ancora attiva e visibile la ricevuta di pagamento per un eccesso di bagaglio. Come mai è sopravvissuto questo telefono?

La spiegazione di David Rakestraw, esperto in test di caduta

David Rakestraw è scienziato del Lawrence Livermore National Laboratory in California. È stato consultato come esperto di test di caduta e ha analizzato l’iPhone rimasto integro dal volo dell’Alaska Airlines. Non c’entra nulla la qualità della produzione, quindi nessun merito ad Apple, c’entra la fisica, quindi come è caduto, la superficie su cui ha impattato, velocità d’aria e anche ostacoli cha ha incontrato nei cinquemila metri di caduta.

- Advertisement -

L’iphone potrebbe essere stato salvato dal cespuglio sotto il quale è stato trovato ma potrebbero aver influito sulla velocità della caduta (quella che veramente genera l’impatto distruttivo) altri elementi. Rakestraw, stupendo i meno esperti, ha dichiarato cinquemila metri di volo non sono tanti se ci sono giusto vento ed elementi che attutiscono la caduta, ad esempio degli alberi. Di fatto, sono proprio dei rami ad aver fatto rimbalzare il telefono e aver impedito la fine in mille pezzi.

Iole Di Cristofalo
Iole Di Cristofalo
Articolista e web copywriter