Mal di testa? Una dieta ricca di pesci grassi potrebbe aiutarvi

La dieta povera di olio vegetale e più ricca di grassi del pesce ha prodotto una riduzione tra il 30% e il 40% di riduzione delle ore totali di mal di testa al giorno

Un nuovo studio ha scoperto che una dieta più ricca di pesci grassi ha aiutato chi soffre di frequente emicrania a ridurre il loro numero mensile di mal di testa e l”intensità del dolore rispetto ai partecipanti che hanno seguito una dieta più ricca di grassi e oli a base vegetale. I risultati di un team di ricercatori del National Institute on Aging (NIA) e del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA), parti del National Institutes of Health; e l’Università della Carolina del Nord (UNC) a Chapel Hill, sono stati pubblicati nel numero di The BMJ.

Questo studio su 182 adulti con emicranie frequenti ha ampliato il precedente lavoro del team sull’impatto dell’acido linoleico e del dolore cronico. L’acido linoleico è un acido grasso polinsaturo che si trova nel mais, soia e altri oli simili, così come alcune noci e semi. I precedenti studi del team hanno esplorato se l’acido linoleico infiammasse i tessuti e le vie di elaborazione del dolore correlati all’emicrania nel nervo trigemino, il più grande e complesso dei 12 nervi cranici del corpo. Hanno scoperto che una dieta con quantità più basse di acido linoleico e più alte nei livelli di acidi grassi omega-3 (come quelli trovati nei pesci e nei crostacei) potrebbe lenire questa infiammazione dolorosa.

- Advertisement -

In un intervento dietetico di 16 settimane, i partecipanti sono stati assegnati casualmente a uno dei tre piani dietetici sani. Tutti i partecipanti hanno ricevuto un kit pasto che includevano pesce, verdure, hummus, insalate e cibi per la colazione. Un gruppo ha ricevuto pasti che avevano alti livelli di pesce grasso o oli di pesce grasso e basse quantità di acido linoleico. Un secondo gruppo ha ricevuto pasti che avevano alti livelli sia di pesce grasso che di acido linoleico. Il terzo gruppo ha ricevuto pasti con alto acido linoleico e livelli più bassi di pesce grasso.

Durante il test i partecipanti hanno monitorato il loro numero di giorni di emicrania, durata e intensità, insieme a come i loro mal di testa influenzavano le loro capacità sul lavoro, a scuola e nella loro vita sociale, e con quale frequenza avevano bisogno di assumere farmaci antidolorifici.

- Advertisement -

All’inizio dello studio, i partecipanti hanno avuto una media di oltre 16 giorni di mal di testa al mese, oltre cinque ore di dolore da emicrania per giorno di mal di testa e hanno avuto punteggi di base che mostrano un grave impatto sulla qualità della vita nonostante l’uso di più farmaci per il mal di testa.

La dieta povera di olio vegetale e più ricca di grassi del pesce ha prodotto una riduzione tra il 30% e il 40% di delle ore totali di mal di testa al giorno. Campioni di sangue di questo gruppo di partecipanti avevano anche livelli più bassi di lipidi correlati al dolore. Nonostante la riduzione della frequenza e del dolore da mal di testa, questi stessi partecipanti hanno riportato solo piccoli miglioramenti nella qualità della vita complessiva correlata all’emicrania rispetto ad altri gruppi nello studio.

- Advertisement -

L’emicrania, una malattia neurologica, si colloca tra le cause più comuni di dolore cronico, perdita di tempo di lavoro e abbassamento della qualità della vita. Più di 4 milioni di persone in tutto il mondo hanno un’emicrania cronica (almeno 15 giorni di emicrania al mese) e oltre il 90% dei malati non è in grado di lavorare normalmente durante un attacco, che può durare da quattro a tre giorni. Le donne di età compresa tra i 18 e i 44 anni sono particolarmente inclini all’emicrania e si stima che il 18% di tutte le donne americane ne sia colpita. I farmaci attuali per l’emicrania di solito offrono solo sollievo parziale e possono avere effetti collaterali negativi tra cui sedazione e la possibilità di dipendenza.

“Questa ricerca ha trovato prove che i cambiamenti dietetici hanno il potenziale per migliorare una condizione di dolore cronico molto debilitante come l’emicrania senza i relativi aspetti negativi dei farmaci spesso prescritti”, ha dichiarato Luigi Ferrucci, M.D., Ph.D., direttore scientifico del NIA.

Il team NIH era guidato da Chirs Ramdsen un ricercatore clinico nei programmi di ricerca intramurale NIA e NIAAA, e membro della facoltà aggiuntiva UNC. Ramsden e il suo team sono specializzati nello studio dei lipidi – composti degli acidi grassi presenti in molti oli naturali – e del loro ruolo nell’invecchiamento, in particolare dolore cronico e condizioni neurodegenerative. Il team unc era guidato da Doug Mann, M.D., del Dipartimento di Neurologia, e Kim Faurot, Ph.D., del Programma di Medicina Integrativa. I piani pasto sono stati progettati da Beth MacIntosh, M.P.H., del Dipartimento di Nutrizione e Servizi Alimentari dell’UNC Healthcare.

“I cambiamenti nella dieta potrebbero offrire un po ‘di sollievo ai milioni di persone che soffrono di dolore da emicrania”, ha detto Ramsden. “È un’ulteriore prova che gli alimenti che mangiamo possono influenzare le vie del dolore.”

I ricercatori hanno osservato che questi risultati servono come convalida per le diete basate su un aumento di grassi omega-3 e la riduzione al contempo delle fonti di acido linoleico. Questo mostra le migliori promesse per aiutare le persone con emicrania a ridurre il numero e l’impatto dei giorni di mal di testa rispetto agli integratori a base di olio di pesce, riducendo al contempo la necessità di farmaci antidolorifici. Sperano di continuare ad espandere questo lavoro per studiare gli effetti della dieta su altre condizioni di dolore cronico.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.