SCUOLA: finalmente il lavoro! Opportunità per tanti…

aulascuola1

Qualcosa, nell’ambiente lavorativo scolastico, comincia a muoversi, si preparano nuove immissioni in ruolo.

La notizia era nell’aria da giorni e in queste ultime ore è arrivata una semi-ufficialità: ci saranno decine di migliaia di immissioni in ruolo a scuola nei prossimi tre anni, di cui 32.500 già da Settembre. Lo ha spiegato il capo dipartimento per l’Istruzione del Miur, Luciano Chiappetta in un colloquio con “il Sole 24 ore” (www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-07-20/il-miur-a-settembre-almeno-32500-assunzioni-ecco-piano-141131.shtml?uuid=ABTjlhcB). Nei prossimi giorni tutto dovrebbe essere più chiaro, ma pare che le immissioni ci saranno. Soprattutto il 2015 sarà un anno importante per gli aspiranti docenti, infatti, non soltanto per quell’anno sono previste altre immissioni in ruolo, ma è previsto per primavera il cosiddetto “concorsone”, aperto agli abilitati, che darà la possibilità di raggiungere il sogno ambito della cattedra. Dunque, tutti coloro che al momento non possono aspirare ad un’immissione di ruolo, ci proveranno con il concorsone, a patto che abbiano l’abilitazione.

 

Loading...

I posti di lavoro disponibili per il 2015, saranno suddivisi tra: –  15.000 insegnanti che andranno a coprire il turn over e saranno probabilmente scelti.i al 50% dalle graduatorie ad esaurimento e l’altro 50% dai vincitori del concorso del 2012; – 13.000 insegnanti di sostegno; – 4.500 assunzioni di personale ATA (il personale tecnico amministrativo). Dunque, un totale di 32.500 posti, che, senza ombra di dubbio, rappresentano una nuova linfa per la scuola pubblica. Negli anni successivi poi, le immissioni in ruolo continueranno: sia nel 2015/2016 (si parla di circa 22.000) che nel 2016/2017 (si vocifera 15.000). Insomma, in questi giorni di aperto dibattito sul Tirocinio Formativo Attivo (di cui parliamo a parte, guarda www.generazioneweb.net/tfa-tutto-quello-che-non-vuoi-sapere/  e anche www.generazioneweb.net/tfa-i-tieffini-alzano-la-voce-condividi-o-critichi/), arriva una notizia che fa sorridere migliaia di precari e di aspiranti insegnanti.

 

Se è vero che chi supererà il concorso del TFA non potrà usufruire delle immissioni in ruolo di quest’anno, è anche vero che avrà la possibilità di partecipare al futuro concorsone (si parla della possibilità che esca il bando dopo l’estate, vi terremo informati) ed essere inserito poi nelle immissioni future di cui vi abbiamo parlato.

Intanto l’attesa cresce, questa notizia ha rinvigorito le speranze di tutti coloro che vorrebbero diventare insegnanti e, se l’attesa è così grande, un motivo ci sarà… Infatti, come affermava François de la Rochefocauld, “l’attesa attenua le passioni mediocri e aumenta le grandi”.

Antonio Murrone