I Nas sequestrano 2 tonnellate di uova di cioccolato e di colombe pasquali

Sono state riscontrate 324 aziende che presentano irregolarità. I Nas hanno proceduto al sequestro di uova e colombe non conformi alla normativa

Il Comando dei Carabinieri per la Tutela della Salute ha eseguito oltre 840 ispezioni in laboratori di produzione di uova di cioccolato e di colombe destinate alle tavole degli italiani in vista della Pasqua.

I controlli hanno fatto emergere parecchie irregolarità: 324 aziende, quindi il 38% del totale sottoposte a controllo, sono state sanzionate.

- Advertisement -

Complessivamente, i Nas hanno sequestrato oltre 2 tonnellate di prodotto, tra colombe e uova di cioccolato, per un valore stimato in oltre 267mila euro.

Inoltre, gli agenti hanno rilevato 574 violazioni penali e amministrative che corrispondono a sanzioni emesse a carico degli esercizi in questione per un totale di 425mila euro.

- Advertisement -

Ci sono anche sei titolari di esercizi commerciali che sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria.

Il bilancio di questo check pre pasquale è il seguente: sono stati emessi 15 provvedimenti di chiusura o sospensione dell’attività.

- Advertisement -

I reati contestati sono la carenza nelle pratiche per la garanzia della pulizia e dell’igiene, sia all’interno dei laboratori in cui avveniva la produzione dei prodotti, sia negli ambienti in cui venivano stoccati prima della vendita o della distribuzione su larga scala.

Un altro elemento grave, e purtroppo ricorrente nelle società controllate dai Nas, è la mancanza di tracciabilità degli ingredienti per poterne garantire la qualità, nonché l’adeguata conservazione durante tutto il processo produttivo.

Ad esempio, in una pasticceria di Bergamo sono stati trovati ben 70 kg di cioccolato scaduto: il prodotto è stato sequestrato e il titolare dovrà pagare una sanzione amministrativa di 3.500 euro.

Situazione analoga in un laboratorio in provincia di Catania, mentre i controlli svolti nella Capitale hanno fatto scoprire due laboratori dolciari in pessime condizioni igienico sanitarie dove c’erano persino escrementi di roditori.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.