Mondiali 2014: in 500.000 a Berlino per la festa

festa Brandeburgo

Oltre mezzo milione di persone davanti alla Porta di Brandeburgo per attendere la squadra Campione dei Mondiali 2014. Loew, ct della Germania : “Se siamo sul tetto del mondo è anche per merito dei tifosi. Siamo tutti campioni del mondo.”

“Da quando ero bambino la sogno, che brividi. Incredibile quello che abbiamo vissuto nelle ultime settimane!”. Sono queste le parole di Lahm, capitano della Germania, mentre alza la Coppa a Berlino davanti ad una folla di 500.000 che si era radunata in piazza, aspettando i propri beniamini. Il gol di Gotze al 113′ contro l’Argentina ha letteralmente mandato in delirio milioni e milioni di tedeschi che, finalmente, vedono realizzare un sogno atteso 24 anni. Anche allora a danno dei sud-americani.

La squadra è stata quindi accolta, al suo rientro, in modo trionfale. Qualche migliaio di persone attendeva i giocatori già all’aeroporto di Berlino Tegel, ma i veri festaggiamenti si sono avuti solamente all’ora di pranzo, quando centinaia di migliaia di persone armate di fumogeni e bandiere nazionali hanno gremito la zona circostante la Porta di Brandeburgo.

Loading...

”Berlin!!! Wow!!!” twitta Jerome Boateng , impressionato dal mare di tifosi che acclama la nazionale. I campioni del mondo, tornati a casa, hanno parlato infatti attraverso i post sui social network, dedicando la vittoria del Maracana “ai propri familiari, agli amici ed alla nazione intera”, come scrive Oezil.

All’arrivo in piazza dei giocatori campioni del mondo, Berlino si trasforma in una bolgia: cori, fuochi d’artificio, pianti di gioia, striscioni con le quattro stelle (una per ogni mondiale vinto, ndr). “Deutschland, Deutschland” urlavano i tifosi,intonando poi canzoni sotto il sole di mezzogiorno stanchi per aver aspettato per ore l’arrivo della loro nazionale.

Prima di festeggiare con i tifosi, la nazionale tedesca è stata ricevuta dal sindaco della città, Klaus Wowereit, ed ha firmato il Libro d’Oro della capitale.

 

Potrebbero interessarti anche