Napoli: il fantasma dell’ospedale

Oggi, ci troviamo a Napoli, all'ospedale Cardarelli. Qui secondo alcune testimonianze si aggirerebbe un fantasma.

Napoli: il fantasma dell'ospedale

Napoli: il fantasma dell’ospedale Cardarelli

Il nostro viaggio nel paranormale, oggi ci porta a Napoli. Qui sorge l’ospedale Antonio Cardarelli. Il maggior nosocomio della Campania e dell’intero Meridione, nonché il primo a livello nazionale per la cura dei grandi ustionati. E’ situato in una zona in cui l’afflusso di persone è molto limitato. Durante la notte, si narra che nei dintorni dell’ospedale si aggiri un fantasma. Alcuni sostengono si tratti de fantasma di un anziano signore seduto su una panchina o che cammina avanti e indietro davanti all’ingresso aiutato dal suo bastone.

Napoli: il fantasma dell’ospedale Cardarelli

Chi ha avuto modo di vederlo, ha detto che a prima vista pare una persona qualunque. Il Fantasma del Cardarelli lo chiamano i napoletani. Sono molte le testimonianze di chi l’ha visto e addirittura qualcuno sostiene di averci parlato.

La testimonianza che è giunta a noi, è quella di un uomo che di ritorno a casa, dal lavoro, passò davanti all’ospedale e per sua sfortuna bucò una gomma. Si fermò per controllare il danno e capì che era necessario cambiarla. Erano le 23:00, aprì il cofano e prese la ruota di scorta.

Loading...

Dopo essersi piegato a terra l’uomo vide avvicinarsi un vecchietto che si fermò vicino all’auto e iniziò ad osservare l’uomo in silenzio. L’uomo si voltò e vide l’anziano signore che gli sorrise facendo una battuta in dialetto, e gli chiese se aveva bisogno di aiuto. L’uomo disse di no, e per sfogarsi gli raccontò ciò che era accaduto. L’anziano stette ad ascoltarlo.

L’uomo era fortemente convinto che l’anziano avesse bisogno di compagnia e così gli domandò che cosa ci facesse lì a quell’ora. Il simpatico vecchietto divenne serio e gli fece una scioccante rivelazione in napoletano stretto: “I song muort ra assaie tiemp uaglion… Làrrint c’ sta mujerm ricoveràt ppe un’operazione, ma sta ppe murì… Io song venut a pigliàrla”.

“Io sono morto già da molto tempo, ragazzo… Là dentro c’è mia moglie ricoverata per un’operazione, ma sta per morire… Io sono qui perché sono venuto a prenderla”. 

Quelle parole turbarono l’uomo che si voltò per guardarlo ma l’anziano era già scomparso e senza lasciare alcuna traccia.

Leggenda o verità? A voi l’ardua sentenza.

Roby Contarino
Scrittore, poeta, autore di canzoni, blogger, social media manager. Gestisce un blog personale "Ad esempio a me piace scrivere". Collabora oltre che con Quotidian Post anche con CalcioNow, Spynews e Supernews. Ha pubblicato tre romanzi (Un amore, un destino; Come dentro una Bottiglia; All'ombra dell'ultimo sole". A dicembre uscirà il suo nuovo romanzo "Il Pianista e la bambina: vita sopra le righe".
Potrebbero interessarti anche