Sciami e alveari d’api in condominio: che cosa si deve fare?

Che cosa fare se uno sciame d'api costruisce il suo nido in casa oppure in un'area comune del condominio? La risposta arriva precisa da una legge del Codice Civile e anche dalla Protezione civile

L’esperto legale e giornalista, Carabelli Ennio, su Pianeta Design, spiega che uno sciame d’api ha un valore economico tutelato dalla legge. Fino a quando non è scoppiata l’emergenza del cambiamento climatico e della minaccia di diminuzione delle api, gli importanti animali impollinatori, per molte persone erano soltanto insetti.

Tra metodi della nonna oppure consigli di conoscenti, un alveare di api si toglie in tanti modi spesso purtroppo senza considerare la salute degli animali e l’incolumità delle persone. A livello condominiale, è l’amministratore ad avere un ruolo importante come vedremo.

- Advertisement -

La sciamatura

La sciamatura è un fenomeno complesso, spesso proprietari di abitazioni e amministratori di palazzo si trovano a dover chiamare vigili del fuoco o esperti perché l’alveare installato è di grosse proporzioni e magari ha scelto punti di muratura, pergole di legno o addirittura di impianti difficili da raggiungere.

Però, da diversi anni, nei confronti delle api sono aumentate sensibilità, conoscenza, numero di appassionati ma anche servizi pubblici e privati che raccolgono l’alveare e si occupano della loro sopravvivenza. Oggi la morte di uno sciame fa notizia, non sono più soltanto degli insetti.

- Advertisement -

Sciame di api: che cosa fare

L’articolo 924 del codice civile afferma che “il proprietario di sciami di api ha diritto d’inseguirli sul fondo altrui, ma deve indennità per il danno cagionato al fondo; se non li
ha inseguiti entro due giorni o ha cessato durante due giorni d’inseguirli, può prenderli e ritenerli il proprietario del fondo
.”

All’interno della sezione domande e risposte della Protezione Civile, il Governo da delle indicazioni sulla segnalazione di nidi di api, veste, calabroni e processionarie. “Chiamare Vigili del fuoco, ditta specializzata con spese a proprio carico, l’amministratore dello stabile se l’alveare è stato costruito in un punto dello stabile in comune e non privato”. Il tempo di intervento è di due giorni, gli sciami infatti oltre a creare nidi molto grandi possono crearne diversi in altri luoghi più vicini.

- Advertisement -

Sciami d’api, differenze tra condominio e area privata

Ne consegue che, se l’alveare è stato costruito in un’area privata sarà il proprietario dell’area privata ad essere ritenuto responsabile del nido di api, nel momento in cui lo scopre ha tempo due giorni per occuparsene.

Se l’alveare è stato, invece, costruito in un’area comune del condominio, ad esempio anche il giardino, sarà l’amministratore una volta avvisato a dover intervenire in pochi giorni.

Iole Di Cristofalo
Iole Di Cristofalo
Articolista e web copywriter