Alimenti a base di fibre: ecco i migliori da mangiare

Quali sono i migliori alimenti a base di fibre e perché sono così importanti nella dieta di tutti i giorni? Quando mangiarli e quali sono le modalità migliori di assunzione? Ecco tutte le informazioni in merito agli alimenti a base di fibre e come utilizzarli in cucina per ottenerne tutti i benefici senza neanche accorgersene!

Alimenti a base di fibre: quali sono?

Gli alimenti a base di fibre sono soprattutto frutta e verdura fresca, ma non mancano neanche i cereali e gli ortaggi. La fibra può essere solubile o non solubile in acqua. In generale, una persona adulta dovrebbe mangiare 30 grammi di fibra al giorno, quindi senza esagerare. Il rapporto tra fibre solubili e fibre non solubili dovrebbe essere di 3 a 1, quindi se devi mangiare 30 grammi in tutto, 20 grammi al giorno dovranno essere di fibre insolubili e 10 grammi dovranno essere di fibre solubili. 

- Advertisement -

Quali sono i benefici degli alimenti a base di fibre? Per prima cosa, questi alimenti riducono il colesterolo cattivo nel sangue. In più, favoriscono la digestione e sono coinvolti in diverse attività dell’organismo. Infatti, il corpo ha bisogno anche delle fibre per processi chimici importanti. Ecco quali sono gli alimenti che dovresti avere nella tua dieta per avere il giusto apporto di fibre: 

  • Cereali integrali. Sono poco considerati nella dieta, ma in realtà sono dei veri e propri portatori di salute, perché sono ricchi di fibre. Si tratta di cereali come il miglio, il farro o la segale. II loro segreto è rallentare l’assimilazione degli zuccheri e regolare l’attività dell’intestino, In più, danno un senso di sazietà molto importante, quindi si possono utilizzare come pasta o come alimenti secondari.
  • Legumi. I legumi hanno tantissime proprietà. Infatti, mettono a disposizione potassio, ferro e proteine vegetali. Tra le altre proprietà ci sono anche le fibre, che si trovano in questi prodotti della natura dai 15 ai 100 grammi. Un piatto di pasta integrale con i legumi ti offre già tutto l’apporto di cui hai bisogno per quella giornata.
  • Carote. Oltre al betacarotene e alle vitamine, le carote svolgono un’azione di protezione dello stomaco e sono ricchissime di fibre. Per ottenerlo in quantità maggiore, però, conviene utilizzare il succo di carota o comunque mangiare le carote crude.
  • Mele. Contengono molte fibre, ma in questo caso conviene mangiare anche la buccia, pulendola prima. Si può utilizzare come spuntino e in alcuni dolci. La cosa importante è che una mela ha circa 4 grammi di fibre.
  • Pere. Stesso discorso vale anche per le pere. Anche queste vanno mangiate con la buccia e favoriscono l’attività dell’intestino. 
  • Prugne. Non possono mancare le prugne, che contengono un dolcificante naturale per l’intestino (il sorbitolo) e numerose fibre. Bastano pochissime prugne per avere il fabbisogno di una giornata di fibre.
  • Carciofi. Favoriscono l’intestino ed hanno un apporto di fibre molto interessante, soprattutto con l’arrivo dell’inverno.
  • Finocchio. Aumenta il senso di sazietà. Migliora l’attività dell’intestino ed è utilizzato anche in molte diete e nelle tisane.
  • Sedano. Un altro ortaggio che permette di ottenere il giusto apporto di fibre con in più vitamine e sali minerali. La sua azione è totale. Aiuta durante le diete e stimola le difese immunitarie.

Quando mangiarli

Gli alimenti a base di fibre si possono utilizzare tranquillamente in cucina. Ci sono tantissimi piatti che inseriscono questi prodotti. Per esempio, le carote e gli ortaggi in genere si utilizzano soprattutto nelle zuppe, nelle vellutate, nelle minestre, ma anche in alcuni dolci. Mele e pere, invece, si possono mangiare anche da sole. I cereali si possono trovare in snack dietetici nelle gallette oppure nella pasta integrale. I legumi, invece, si mangiano come condimento soprattutto per il primo piatto o anche da soli come piatto unico.

spot_img