Blitz a Reggio Calabria: arrestati quattro imprenditori

Gli imprenditori erano affiliati alla N'drangheta

Sono stati arrestati stamani  alle prime luci dell’ alba a Reggio Calabria quattro imprenditori  affiliati alle cosche di ‘Ndrangheta cittadine. L’operazione come riferisce l’Ansa  è stata coordinata dai carabinieri del nucleo investigativo del Comando provinciale, sotto la coordinazione della Dda reggina. I quattro imprenditori sono stati accusati di reati di associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni e auto riciclaggio,e grazie al loro appoggio alle mafie locali  avrebbero ottenuto numerosi profitti in modo illecito, in seguito riciclati in attività commerciali di successo.

Nel blitz sono stati impiegati oltre 100 militari che hanno portato al sequestro molte aziende, centinaia di appartamenti e numerosi terreni a Reggio Calabria per un valore totale di 50 milioni di euro.

Grazie a questa operazione che ha segnato un duro colpo alla N’drangheta  è venuto alla luce quello che è stato definito dagli stessi inquirenti “un reticolato di legami criminali coltivati da spregiudicati imprenditori edili e immobiliari”. I quattro imprenditori arrestati sono Ficara Carmelo di anni 62, titolare dell’omonima impresa di costruzioni; Giordano Andrea Francesco di anni 59, suo socio; Surace Giuseppe, il più giovane dei quattro, di anni 34 e infine Surace Michele di anni 61, rispettivamente padre e figlio. Grande soddisfazione da parte dei Carabinieri impegnati nell’operazione ribattezzata “Monopoli” i quali, al termine degli arresti hanno ribadito di aver fatto pienamente luce sui rapporti degli imprenditori.

Loading...