Buste paga di Dicembre, cosa dovranno aspettarsi i lavoratori

Quali aumenti sono certi e quali potrebbero esserci nei prossimi mesi

A partire già da Luglio scorso i lavoratori dipendenti hanno visto i loro cedolini aumentare in maniera proporzionale tra i 20€ ed i 100€ grazie all’introduzione del taglio del cuneo fiscale che è stato portato al 7% per redditi fino a 25.000 euro e al 6% per quelli fino a 35.000; misura questa prevista dalla Manovra Finanziaria 2023 che sarà sicuramente attiva fino a dicembre di quest’anno. Di conseguenza gli italiani continueranno a giovare, feste natalizie comprese, di tale agevolazione almeno fino alla fine dell’anno anche se, voci molto insistenti all’interno della maggioranza, prevedono che il taglio del cuneo fiscale sarà esteso anche a tutto il 2024.

Ma non solo queste le novità che l’autunno potrebbe portarci: le anticipazioni del Viceministro dell’Economia Leo fanno ben sperare anche in una detassazione delle tredicesime, misura questa già annunciata nella Legge di Bilancio 2024 a cui il Governo sta lavorando e che entrerebbe in vigore dal prossimo anno, ma che l’esecutivo intenderebbe invece anticipare al dicembre 2023 fondi disponibili permettendo.

- Advertisement -

Ecco perché prima di ottobre non se ne avrà la certezza. Il Governo dovrà valutarne la fattibilità economica in base alle risorse adoperabili ed emanare eventualmente una legge ad hoc, ossia un decreto attuativo della legge delega di riforma fiscale, che preveda (come si ipotizza) una flag tax al 15%, cioè una tassa piatta uguale per tutti che andrebbe quindi a sostituire le attuali aliquote IRPEF.

Parliamo di incrementi nelle tasche degli italiani che dovrebbero oscillare dagli 80€ fino a toccare i circa 500€, in base alla fascia di reddito annuo percepita, che equivarrebbe ad una “boccata d’ossigeno” per molte famiglie alle prese con i rincari di spesa, mutui e bollette ormai da più di un anno.