Come l’esercizio influisce sull’attività cerebrale

L'esercizio influenza positivamente la riserva neuronale aumentando l'espressione che promuove la neurogenesi e la plasticità sinaptica

Al giorno d’oggi, siamo costantemente bombardati da media, medici e altri professionisti della salute che ci esortano a impegnarci in attività fisiche/sportive per ridurre lo stress fisico/psicologico, migliorare la nostra salute e ridurre il rischio di malattie croniche.

La letteratura ha chiaramente dimostrato che la capacità aerobica è uno dei migliori indicatori di resilienza. Ciò è supportato da prove di una serie di studi che dimostrano che la forma fisica conferisce benefici fisiologici e psicologici e protegge dallo sviluppo di disturbi legati allo stress, oltre a migliorare la cognizione e la funzione motoria che sono una conseguenza dell’invecchiamento e dei disturbi neurologici. Sebbene abbiamo imparato a conoscere i meccanismi neurobiologici della forma fisica dalla neuroplasticità e dalla neuroprotezione che conferiscono resilienza, questi effetti e meccanismi sono diversi e complessi e devono essere ulteriormente esplorati. Tuttavia, possiamo riassumere che l’esercizio modula diversi meccanismi che possono aumentare la salute del cervello e contrastare i disturbi cerebrali.

- Advertisement -

L’esercizio influenza positivamente la riserva neuronale aumentando l’espressione che promuove la neurogenesi e la plasticità sinaptica, riduce lo stress ossidativo e l’infiammazione e migliora il flusso sanguigno cerebrale e periferico, che stimola i fattori angiogenici che portano a cambiamenti positivi nella struttura e morfologia del sistema vascolare cerebrale. Tutti questi cambiamenti modellano l’attività cerebrale e fungono da cuscinetto contro i disturbi legati allo stress.

Ricordiamo che sono diversi i modelli di attività fisica o esercizio fisico che possono avere un impatto positivo sulla resilienza cerebrale come yoga, danza, arti marziali, ecc.

- Advertisement -

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.