Crolla il mercato del noleggio di monopattini

Forte decremento in tutta Italia per quello che sembrava un fenomeno che dovesse resistere a lungo nel tempo, ovvero il noleggio di monopattini.

Questo mezzo di trasporto leggero, poco ingombrante, tanto apprezzato agli esordi, è ora in profonda crisi: in tutta Italia da Nord a Sud si sta registrando un calo vertiginoso nell’ambito del noleggio.

Vediamo di capirne le ragioni. La ricetta di questa ‘involution’ sembra avere i seguenti ingredienti: ricavi stimati che invece si sono collocati al di sotto degli investimenti fatti, protagonisti, o comunque coinvolti, in parecchi incidenti sulle strade italiane, troppi morti.

- Advertisement -

Il monopattino sta dunque vivendo un momento di profonda crisi con una notevole diminuzione per quanto riguarda il servizio di noleggio e un vero e proprio crollo nell’ambito delle vendite.

La società BitMobility, una delle principali a gestirne il noleggio in tutta Italia, ha preso la decisione di ritirare ben 200 mezzi dalla città di Trento. Questo taglio verrà attuato a partire dal prossimo sabato.

- Advertisement -

La crisi nel capoluogo meneghino, invece, parla di – 30,98% (dati Amat dello scorso gennaio): a Milano sempre meno persone stanno ricorrendo all’uso del monopattino, principalmente, per il rischio in termini di incidenti, mentre sta vivendo un aumento il bike sharing.

Anche la città di Torino lo scorso dicembre ha ritirato ben 500 monopattini, mentre Roma e Palermo hanno messo in stand-by eventuali ulteriori gare di appalto per il noleggio.

- Advertisement -

BitMobility ha ribadito le motivazioni sopraccitate: costi di gestione, oltre a quelli di avviamento, che non sono stati ripagati dai ricavi previsti. A questo va aggiunto il fatto che si parla di possibile casco obbligatorio per il conducente, certamente, un fattore deterrente e non incentivante per l’utente.