Fattura elettronica gratuita 2019; come farla

Come avere la nuova fatturazione elettronica

Payment Payslip Invoice Template Concept; Shutterstock ID 619295135

Dal primo gennaio 2019 è entrato in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica ad eccezione di (contribuenti minimi e forfettari) quindi non basterà più la semplice fattura cartacea o digitale.

Fattura elettronica 2019: solo uno scambio di dati

La fattura è un documento nel quale vengono riportati i dati fiscali del prestatore di un servizio o del venditore di un bene e di un suo cliente.  Va incluso una serie di dati riguardante il bene o il servizio prestato. Per molto tempo è stata cartacea poi è diventata digitale con la possibilità di essere inoltrata tramite email o nella maggior parte dei casi in formato Pdf.

Adesso con l’introduzione della nuova fatturazione elettronica non si scambiano i file digitali contenenti i dati relativi a una compravendita ma solo i dati elettronici che la riguardano. Questi dati elettronici infatti potranno essere scambiati solo con appositi strumenti. L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione un software gratuito per ricevere e conservare la fattura.

Fattura elettronica 2019: la conservazione sostitutiva

Come avveniva in passato per le fatture cartacee, anche per quelle elettroniche l’obbligo di conservazione vale per 10 anni. La conservazione sostitutiva avverrà in modo diverso dato che non si conservano più file o documenti fisici. Inoltre per quanto riguarda il costo dei software di gestione ognuno avrà i propri costi. Il costo considerando le diverse tipologie di programmi potrebbe determinare un costo medio di un euro e 50 centesimi per ogni fattura.

Con questo metodo precisa l’Osservatorio sulla fatturazione elettronica del politecnico di Milano che la conservazione sostitutiva potrebbe far risparmiare fino a 11,5 euro su ogni fattura. Una buona notizia per le aziende che emettono migliaia di fatture ogni anno.

Potrebbero interessarti anche