Fontana: “Rischiamo una nuova fuga dal Nord”

Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha espresso le sue preoccupazioni riguardanti il nuovo decreto ieri approvato, che lascerebbe alcune zone grigie da chiarire al più presto

Il governatore avverte il Governo del rischio e invita tutti i cittadini lombardi a essere responsabili.

Preoccupano le fughe verso il Sud

Bisognerà parlare con Prefetture e Forze dell’ordine” ha dichiarato Attilio Fontana, preoccupato delle masse che si potranno vedere nelle prossime settimane nelle stazioni del Nord.
Dopo l’approvazione dell’ormai attesissimo Dpcm natalizio, non sono di sicuro poche le perplessità a riguardo.

- Advertisement -

Le ulteriori restrizioni che entreranno in vigore dal 21 dicembre sembrano, secondo molti, essere facilmente raggirabili.
Tra tutti i punti deboli del decreto vi è quello più lampante, ovvero la data in cui entrerà in vigore.
Parliamo infatti di un’attesa di circa 3 settimane, nelle quali secondo Fontana il rischio di fughe dal Nord è a livelli massimi.

In particolare preoccupa il weekend del 19 e 20 dicembre, date in cui il governatore lombardo chiede massima attenzione nei controlli.
Rischiamo di rivivere quello che successe nella notte fra il 7 e l’8 marzo” continua Fontana, ricordando gli effetti che questi spostamenti hanno avuto; causando soprattutto disordini nel successivo contenimento del virus.

- Advertisement -

Altri problemi del Dpcm

Fontana ha espresso inoltre il proprio disappunto per l’approvazione di quest’ultimo Dpcm, il quale, a detta sua, limiterebbe la libertà dei cittadini lombardi e non.
Questa scelta crea delle situazioni di difficoltà a tanti cittadini che si vedono nell’impossibilità di andare a trovare i propri parenti, di incontrare magari i genitori anziani” ha dichiarato il governatore, riferendosi sia alle eventuali fughe verso il Sud sia alle realtà familiari lombarde che si vedranno costrette in casa.

Oltre a questo, il governatore si è unito all’appello di Luca Zaia sulle disparità tra comuni piccoli e vere e proprie metropoli che il decreto porta con sé.
La chiusura in un comune porterebbe infatti alcune persone a dover stare in un raggio di pochi kilometri, e altre a poter viaggiare all’interno di enormi città come Milano, Roma e via dicendo.

- Advertisement -

Insomma i problemi da risolvere all’interno del decreto non sono pochi. A riguardo Fontana ha proposto la correzione delle nuove linee guida tramite alcuni emendamenti che le rendano più consone e versatili ai vari territori, oltre a un sistema di faq che chiariscano le norme.


Davide Zanettin
Davide Zanettin
Sono Davide Zanettin, ragazzo di 21 anni e studente presso l'università di Trento. L'interesse per il giornalismo e la mia passione nello scrivere nascono anzitutto dalla voglia di esprimermi, obiettivo che mi pongo sempre nei miei articoli con cui cerco di informare mantenendo la maggiore obiettività possibile.