Gasmann, politicamente scorretto sulla morte della Regina: è polemica social!

Alessandro Gasmann è finito al centro delle polemiche a causa del tweet d'addio alla Regna Elisabetta: ecco cosa ha detto

Come tanti vip e personaggi noti internazionali anche Alessandro Gasmann ha scritto sui social il suo pensiero in merito alla morte della Regina Elisabetta. L’attore ha dichiarato che in fondo è deceduta una donna anziana, ma è il corso della natura, gli dispiace come quando viene a mancare una persona qualsiasi della sua età. Parole definite “politicamente scorrette” e che hanno alzato un polverone social davvero inaudito.

L’attore è stato attaccato su più fronti per aver paragonato la sovrana ad una persona qualunque, visto il peso storico che ha a livello internazionale. “È morta oggi una anziana signora che mi stava simpatica, ha fatto una vita bellissima e piena di responsabilità, vivendo in castelli e spostandosi a volte in carrozza. Mi dispiace per la sua morte, come mi dispiace per la morte di chiunque. #ElizabethII rip“. Queste le parole di Gasmann che non sono piaciuti agli internauti.

- Advertisement -

Gasmann ha ricevuto una serie di offese, affermazioni che gli hanno augurato la morte anche solo per il fatto d’avere un’opinione diversa da molti sulla morte della sovrana del Regno Unito: “A volte, si vuol essere per forza alternativi. Si può anche non dir niente, a volte” e ancora: “Io invece se muori tu stappo una bottiglia”. L’attore non si è fatto intimorire e ha risposto ai vari utenti, ironizzando su certe affermazioni.

Gasmann attaccato per il tweet sulla Regina: “Che brutto tweet per onorare una Sovrana…

Alessandro Gasmann è stato attaccato su più fronti a causa del suo tweet commemorativo sulla regina. Per lui una persona molto anziana la cui morte è un fatto naturale, per altri un personaggio che ha cambiato la storia e che da sempre fa parte dell’immaginario dei sudditi inglesi e non solo.

- Advertisement -

Allora perché ha scritto un tweet su di lei ? Non era una persona qualunque. Era un’icona, come è stato suo padre, il grandissimo Vittorio. Quando le icone se ne vanno si portano via un po’ della nostra vita e ciascuno li piange per se stesso” ha commentato un utente cercando di mediare le polemiche. A parte l‘offese ricevute c’è anche chi si trova d’accordo con l’attore e sostiene la sua tesi definita politicamente scorretta.