Gaza, Irlanda con il Sudafrica: Dublino interviene a favore della causa contro Israele

Il governo irlandese sostiene la causa del Sudafrica presentata alla Corte dell'Aja. Nessun commento da parte di Israele

Il governo della Repubblica d’Irlanda sosterrà la causa del Sudafrica contro Israele, il cui governo è accusato dalla controparte di genocidio ai danni della popolazione palestinese della Striscia di Gaza. Lo ha riferito il ministro degli Affari Esteri di Dublino Micheal Martin senza andare fin troppo nel dettaglio, ma affermando che Dublino ha accolto con favore la decisione di Pretoria.

In una dichiarazione ufficiale, Martin ha detto che le “analisi e la consultazioni sono ora concluse” e che “l’Irlanda interverrà” a supporto della presa di posizione sudafricana che ha portato Israele davanti alla Corte di Giustizia alla fine dello scorso dicembre. Il ministro Martin ha detto anche che a breve sarà resa pubblica una dichiarazione ufficiale da parte del governo. Essa presumibilmente vedrà la luce appena il Sudafrica avrà depositato la sua memoria davanti alla Corte.

- Advertisement -

In merito alle accuse di Pretoria contro Tel Aviv, la Corte ha emesso misure provvisorie lo scorso 26 gennaio che chiedono a Israele di rispettare alcuni paletti importanti per non incorrere nella accusa di genocidio e ha ordinato al governo Netanyahu di riferire degli eventuali progressi entro un mese. Nonostante la misura urgente emessa dall’Aja e le pressioni da parte di altri Paesi che sostengono la causa, fino a questo momento non è stato pubblicato nessun rapporto in merito alle azioni israeliane. E la recente presa di posizione del governo di voler intervenire a Rafah di certo allontana le possibilità che venga pubblicato nel più breve tempo possibile.

Fino a questo momento, piuttosto che diminuire, il numero delle vittime continua a salire: sono 32.490 i palestinesi uccisi a Gaza, l’80% dei quali sono donne e bambini. Si contano morti anche tra gli ostaggi israeliani fermi nella Striscia dallo scorso 7 ottobre.