L’8 aprile si avvicina: teorie di un’apocalisse sull’eclissi solare che incrocia “Ninive”

è un presagio per la fine del mondo ?

L’8 aprile è segnato nei calendari di 44 milioni di persone, pronte a essere testimoni dell’eclissi solare totale. Tuttavia, una serie di teorie su TikTok stanno suscitando clamore: secondo alcuni, l’eclissi attraverserà diverse città chiamate Ninive in Nord America, scatenando la fine del mondo.

Decifrare la teoria di Ninive: tra mito e realtà

Ninive, nota dalla narrazione biblica di Giona, si ritrova al centro di ipotesi condivise sui social. Credono che un evento simile a quello vissuto da Giona possa verificarsi nelle località omonime. Ma, secondo le ricerche, solo due piccole città, una nell’Ohio e una nell’Indiana, saranno realmente attraversate dall’eclissi. Dan McClellan, biblista, smonta le voci complottiste su TikTok, evidenziando come queste teorie siano basate su informazioni fuorvianti.

- Advertisement -

Oltre alla narrazione apocalittica, c’è chi teme che l’eclissi possa mettere in crisi le infrastrutture elettriche, è importante basarsi su dati scientifici e non su teorie senza fondamento.

L’America resta in attesa: cosa succederà il giorno dell’eclissi?

Secondo previsioni più affidabili, l’eclissi oscurerà il sole per oltre quattro minuti in alcune aree del Nord America, toccando il picco di durata in Messico. Nonostante non si profili un’apocalisse, l’evento è atteso per il grande movimento turistico verso le zone di osservazione ottimale, come il Texas. Si prevedono potenziali disagi dovuti a traffico intensificato, esaurimento scorte nei negozi e problemi di connettività mobile.

- Advertisement -

Le amministrazioni locali stanno già pianificando misure preventive, come raccomandare la raccolta anticipata di viveri e denaro contante.

Perché questa eclissi solare è rara?

L’eclissi solare totale del 2024 si distingue per la sua durata e il contesto astronomico, offrendo una rara occasione di osservazione delle stelle diurne e coincidendo con un picco di attività solare. Questo fenomeno fornirà a scienziati e astrofili l’opportunità di condurre studi altrimenti impossibili.