La Forza è tornata!!!

star-wars-il-risveglio-della-forza-online-il-nuovo-poster-v2-241111-1280x720[1]La Forza è veramente tornata. Il nuovo capitolo della saga di Star Wars rappresenta un vero e proprio ritorno alle origini. J.J. Abrams è riuscito a far dimenticare i tre prequel che tanto hanno fatto arrabbiare i fan più accaniti della saga spaziale. Questo nuovo capitolo rappresenta un vero e proprio ritorno alle origini della saga. Sia a livello tecnico, dove la computer grafica è stata ridotta al minimo indispensabile e fare il posto alle ambientazioni originali, ma anche a livello narrativo, dove si torna a parlare dell’eterna lotta tra all’eterna lotta fra buio e luce, l’impero, i sith, il primo ordine, sono solo diverse e conseguenti manifestazioni del lato oscuro. Il combattimento fra bene e male si incarna così nelle future generazioni. Il passato diventa leggenda, si raccontano storie… i jedi, la forza, ma come dice Ian ” è tutto vero”.il buio e la luce. L’Impero, i Sith, il Primo Ordine in questo capitolo, sono solo diverse e conseguenti manifestazioni del lato oscuro. Questo settimo capitolo, uscito ieri nelle sale italiane, ha molti punti di contatto con il primo capitolo della prima trilogia, (Una nuova speranza) iniziata quasi quaranta anni fa da George Lucas, con qualche colpo di scena tipico del quinto episodio (L’impero colpisce ancora) che ci condurrà all’ottavo episodio che uscirà tra due anni. Forse è proprio questo lo scopo di Abrams: creare un prodotto che possa coinvolgere i fan duri e puri insiemi alle nuove generazioni che sono rimaste deluse con la seconda trilogia. La trama si svolge a trent’anni dal “Ritorno dello Jedi”. Il Primo Ordine, guidato dal Leader Supremo Snoke e dal suo discepolo Kilo Ren, e la Resistenza guidata dalla Generale Leila, sono alla ricerca di Luke Skywalker, scomparso all’improvviso. La storia comunque segua le avventure, sia fisiche, che morali dei veri protagonisti di questo film: Kilo Ren (interpretato da Adam Driver), Il discepolo del Leader Supremo Snoke (con Andy Serkis ancora una volta trasformato dal Motion Capture), che indossa una maschera che ricorda molto quella di Darth Fener, dove durante il film si scoprirà la sua vera identità; Finn (John Boyega) uno Stormtrooper che dopo che ha partecipato al massacro di un villaggio su Jakku, decide di scappare dopo aver liberato il pilota della Resistenza Poe Dameron (Oscar Isaac), e incrocerà il suo destino con la vera protagonista del film: la giovane Rey (Daisy Ridley), abbandonata da piccola sul pianeta Jakku (che ricorda molto Tatooine) che verso la fine del film farà venire molte domande sulle sue origini, che con molta probabilità saranno esaudite nell’ottavo film che uscirà tra due anni. Il ruolo femminile prende maggiore spazio e importanza in questo film. Oltre a Rey e a Leila, trovano rilievo altri due personaggi femminili. La prima, dalla parte del Primo Ordine c’è il Capitano Phasma, che nascosta dalla maschera ha il volto di Gwendoline Christie (la Brienne di Tarth de Il Trono di Spade). La seconda è Maz Katana, la gestrice di un locale e amica di Han Solo, che sembra rappresentare la versione femminile di Yoda. A interpretarla il premio Oscar Lupita Nyong’o trasformata grazie al Motion Capture. Sicuramente non sarà il miglior film della saga, ma ha ottenuto lo scopo che sicuramente doveva essere raggiunto: riuscire a risvegliare le stesse atmosfere, le stesse sensazioni, lo stesso stupore dei film di fantascienza degli anni 80. In cui le nuove generazioni si possono appassionare a questa nuova avventura. E ai fan storici di poter dice, come dice Han Solo nel film “Siamo a casa!!!”.

Loading...
Potrebbero interessarti anche