Legge 119/2017, emergenza sanitaria o interessi economici?

La legge sull'obbligatorietà vaccinale e i suoi risvolti.

Vaccini obbligatori, le facce del decreto.

La legge 119/2017 è entrata in vigore il 31 luglio 2017 e ha portato le vaccinazioni obbligatorie, per la fascia di età 0-16 anni, da 4 a 10.
Questa misura si è resa necessaria, a detta del Governo, per contrastare quella che era una “dilagante”, “allarmante” e “senza precedenti” epidemia di Morbillo.
I vaccini obbligatori, come dicevamo sono così saliti a quota 10.

I bambini sono stati divisi in Coorti di nascita e, in base all’anno in cui sono venuti al mondo, è stato “ideato” un perfetto calendario vaccinale che tenesse conto di tutte le nuove normative.

Prendiamo ad esempio un bambino nato nel 2017, quali vaccinazioni è obbligato a fare?

Calendario Vaccinale dal 2017 e per le coorti dal 2001

Loading...

Il nuovo calendario vaccinale completo, è scaricabile e consultabile sul sito del ministero della Salute. Scaricalo qui.

Come possiamo leggere, sono offerte gratuitamente (ALCUNE RIMARRANNO A PAGAMENTO), a tutti i bambini da 0 a 6 anni le vaccinazioni per:

  • Anti-difterica: ciclo di base 3 dosi nel primo anno di vita e richiamo a 6 anni
  • Anti-poliomielite: ciclo di base 3 dosi nel primo anno di vita e richiamo a 6 anni
  • Anti-tetanica: ciclo di base 3 dosi nel primo anno di vita e richiamo a 6 anni
  • Anti-epatite virale B: 3 dosi nel primo anno di vita (Vaccinazione entrata in vigore con una mazzetta negli anni 80)
  • Anti-pertosse: ciclo di base 3 dosi nel primo anno di vita e richiamo a 6 anni
  • Anti-Haemophilus influenzae tipo b: 3 dosi nel primo anno di vita
  • Anti-meningococcica B: 3 o 4 dosi nel primo anno di vita, a seconda del mese di somministrazione della prima dose (fortemente raccomandata per i nati a partire dal 2017)
  • Anti-rotavirus: 2 o 3 dosi nel primo anno di vita, a seconda del tipo di vaccino (fortemente raccomandata per i nati a partire dal 2017)
  • Anti-pneumococcica: 3 dosi nel primo anno di vita (fortemente raccomandata per i nati a partire dal 2012)
  • Anti-meningococcica C: 1° dose nel secondo anno di vita (fortemente raccomandata per i nati a partire dal 2012)
  • Anti-varicella: 1° dose nel secondo anno di vita e 2° dose a 6 anni
  • Anti-morbillo: 1° dose nel secondo anno di vita e 2° dose a 6 anni
  • Anti-parotite: 1° dose nel secondo anno di vita e 2° dose a 6 anni
  • Anti-rosolia: 1° dose nel secondo anno di vita e 2° dose a 6 anni

 

Per gli adolescenti, i richiami da fare sono:

  • Anti-difterica: richiamo
  • Anti-poliomielite: richiamo
  • Anti-tetanica: richiamo
  • Anti-pertosse: richiamo
  • Anti-HPV per le ragazze e i ragazzi (2 dosi nel corso del 12° anno di vita)
  • Anti-meningococcica tetravalente ACWY135

Contrariamente a quanto si pensa, il calendario vaccinale riguarda anche gli adulti!

  • Anti-pneumococcica nei 65enni
  • Anti-zoster nei 65enni
  • Anti-influenzale per tutte le persone oltre i 64 anni o con fattori di rischio (cardiopatie, immunosoppressione malattien autoimmuni, diabete e altre)

In commercio esistono vaccini polivalenti.
L’esavalente ad esempio contiene sei vaccini che agiscono contemporaneamente.
Morbillo, Parotite, Rosolia e Varicella sono contenuti nell’MPRV. Difterite, tetano e Polio sono contenuti nel trivalente DTP.

 

Questo significa che:

 

i bambini e gli adolescenti verranno esposti ad una massiccia dose di vaccini che, come ricordiamo, anche da bugiardino contengono adiuvanti molto pericolosi per la salute umana, soprattutto in grandi quantità e se iniettati in bambini molto piccoli.

Cosa cambia allora per le famiglie?

Le famiglie si vedranno costrette a vaccinare i loro figli.
Sembra infatti non ammessa alcuna obiezione di coscienza essendo una legge emanata con urgenza, per una grave situazione epidemica.

Inoltre, come si legge anche nel testo della legge, la non vaccinazione precluderà l’ingresso a scuola dei bimbi nella fascia 0/6 anni.
Per gli altri gradi di istruzione i genitori riceveranno invece una sanzione amministrativa calcolata per figlio e in base alle vaccinazioni mancanti.

Il diritto alla libertà di scelta. I genitori e le loro domande.

Dall’entrata in vigore di questo decreto sono migliaia le famiglie che hanno fatto sentire la loro voce, per difendere i propri bambini.
I genitori chiedono libertà di scelta, informazioni chiare e trasparenti.
Sono tanti i genitori che hanno iniziato a leggere, studiare e informarsi in materia legislativa e sanitaria.
Le domande alle quali non si hanno ancora risposte sono molte:

  • Perchè nessuno parla degli interessi economici che sembrano essere alla base di questo decreto?
  • Perchè i media dello Stato non parlano delle reazioni avverse, mortali, che si stanno verificando con un incidenza spaventosa?
  • nessuno parla, se non in modo denigratorio, dei medici radiati solo per aver espresso il proprio parere contrastante l’obbligo riguardante le vaccinazioni, perchè?

 

Un medico, che ha chiesto di rimanere anonimo ha dichiarato:

io rivendico la libertà vaccinale non per una questione di principio o perché lo dice la Costituzione ma perché i vaccini fatti come dicono loro fanno male, perché quello dell’immunità di gregge è un mito privo di fondamenti epidemiologici e scientifici e perché non c’è nessun rischio di epidemie, sono una massa di bugiardi e io di loro non mi fido, tutto qui

il medesimo medico ha poi proseguito affermando:

se quello che dicono loro fosse vero, cioè se i vaccini fossero davvero relativamente innocui in qualsiasi quantità e a tutte le età, se ci fosse realmente un rischio per chi non si può vaccinare e se il calo delle vaccinazioni potrebbe provocare delle epidemie, secondo me l’obbligo vaccinale avrebbe un senso, ma siccome questo non è vero e loro passano da una bugia all’altra io non ci sto

Tanti volti affianco ai genitori

Molti sono stati gli insulti ricevuti da questi genitori combattenti.
Alcuni augurano loro la morte, che gli vengano portati via i figli o che muoiano.

Molti personaggi noti, nel mondo della medicina, della scienza, della giurisprudenza, hanno iniziato a seguire la causa di questi genitori preoccupati. Vediamone alcuni

Il dottor Franco Trinca, il dottor Dario Miedico, l’avvocato Marcello Stanca, David Gramiccioli, Ambra Fedrigo, Ferdinando Imposimato, Bartolomeo Pepe e tanti altri.

Un altro grande combattente di questa lotta è stato Giorgio tremante che, a causa dei vaccini ha perso due figli e uno è rimasto gravemente invalido. Uno dei primi a veder riconosciuto e risarcito dallo stato il Danno da Vaccino in base alla alla legge 210/1992, di cui lui stesso è stato un creatore.
Tanti sono anche a livello internazionale i sostenitori della lotta dei genitori italiani.

 

 

Produzione di vaccini, scandali e dintorni.

Le maggiori produttrici di vaccini ad oggi sono Sanofi Pasteur, Novartis e Gsk.
Quest’ultima risulta essere al centro di molti scandali relativi alla produzione di vaccini e non solo.

Scandali di cui nessuno parla ma che sono facilmente reperibili facendo qualche ricerca online.

Condanna per frode nel 2012

GlaxoSmithKline è stata condannata per il più grande caso di frode sanitaria negli Stati Uniti. In seguito a questa condanna la società farmaceutica  ha accettato di pagare un risarcimento di 3 miliardi di dollari, che costituisce il più grande risarcimento pagato da una casa farmaceutica.

  • Una tangente pagata a De Lorenzo negli anni 80 che ammontava a circa 600 milioni di lire per rendere obbligatorio il vaccino anti EpatiteB
  • A marzo 2006 il procuratore generale della California annunciò che GSK avrebbe pagato 14 milioni di dollari per risolvere le accuse di aver gonfiato i prezzi dell’antidepressivo Paxil, in quanto la GlaxoSmithKline ha perpetuato frode di brevetto, violazioni del regolamento anti-trust ed abbia illecitamente tentato di mantenere il monopolio bloccando l’ingresso sul mercato delle versioni generiche del farmaco

E ancora….

  • Nel 2012 un tribunale argentino ha condannato la Glaxo per aver sperimentato vaccini (vaccino contro la malaria) direttamente su bambini di famiglie indigenti, il che ha provocato ben 14 decessi. I paesi in cui è avvenuta questa specie di “sperimentazione umana diretta” sono, oltre ad Argentina anche Colombia, Panama, Bolivia in Sud America. In Africa,invece, s’è provveduto a fare altrettanto in Gabon, Mozambico, Tanzania, Ghana, Benin, Costa d’Avorio, Kenya, Uganda, Repubblica Centrafricana, Malawi, Namibia e Burkina Faso. GlaxoSmithKline ha dichiarato che “le famiglie erano state messe al corrente del fenomeno dell’evento avverso al vaccino”
  • A fine 2012, in una ventina di paesi (non in Italia), GlaxoSmithKline ha provveduto a ritirare il proprio Vaccino esavalente “Infanrix Hexa” per via di una possibile contaminazione di un lotto del medesimo con il batterio “Bacillus cereus“, agente patogeno causante una forma di intossicazione alimentare, causata da mancata sterilità durante il processo produttivo.

 

e poi….

  • Tra il 2010 ed il 2014 la multinazionale è stata accusata del reato di comparaggio in Libano, Giordania, Iraq, Polonia per aver corrotto numerosi medici.
  • a luglio 2013 le autorità cinesi hanno annunciato che sin dal 2007 la GlaxoSmithKline ha usato più di 700 agenzie di viaggio e società di consulenza per recapitare tangenti per quasi 3 milioni di yuan a dirigenti, medici, ospedali ed altri che prescrivevano i suoi farmaci. La GlaxoSmithKline si è detta dispiaciuta e preoccupata di quanto è successo ed ha detto che coopererà con le autorità per le investigazioni. Nel Luglio ha ammesso che alcuni dei suoi dirigenti cinesi hanno infranto la legge e le autorità cinesi hanno arrestato quattro alti dirigenti con le accuse di corrompere medici per far loro prescrivere i farmaci GlaxoSmithKline in cambio di contanti e favori sessuali.

 

Fatti e considerazioni… dubbi, domande. Forse… dovremmo iniziare a pensare.

Potrebbero interessarti anche