LibreOffice, versione 4.3: che cosa cambia?

libreoffice

Qualche giorno fa è stata lanciata la nuova versione della celebre suite open source. Quali sono le novità? Eccovi una breve panoramica di LibreOffice 4.3.

 

I principali miglioramenti apportati ai programmi, come per le versioni precedenti, sono rivolti al raggiungimento di una maggior compatibilità tra LibreOffice e Microsoft Office. In effetti si ha l’impressione, leggendo la scheda di presentazione del 4.3, che in fin dei conti l’obbiettivo non sia tanto quello di superare la suite concorrente, quanto piuttosto di conquistarne gli stessi contenuti. In tale direzioni possono essere letti, ad esempio, i miglioramenti apportati nell’importazione ed esportazione dei documento ODF e DOC, e l’eliminazione di un bug che non consentiva la scrittura di paragrafi più lunghi di 65 000 caratteri. Inoltre, la nuova versione ha eliminato, sempre per quanto concerne i documenti di testo, i difetti che impedivano di leggere note e promemoria nei documenti importati da altri programmi.

Loading...

Passando invece a Impress and Draw, con il nuovo aggiornamento LibreOffice supporta l’inserimento di modelli 3D in formato glTF, mentre in Base ha perfezionato le opzioni di accessibilità. In generale le migliorie su cui i creatori della suite hanno maggiormente insistito al lancio del 4.3 sono quelle che riguardano il supporto OOXML e la compatibilità con Macintosh.

C’è da chiedersi, alla luce di questi perfezionamenti e dell’idea dell’open source che ha sempre caratterizzato l’attività di LibreOffice, se Microsoft possa ancora competere con un servizio gratuito di questo calibro. Inizialmente, infatti, le piattaforme alternative a Microsoft che lanciavano suite office erano numerose; ora, di fatto, LibreOffice si è imposta su tutte, offrendo un servizio che si sta gradualmente avvicinando alle stesse attività svolte da Microsoft.

È inevitabile considerare la competizione tra le due piattaforme come una battaglia sul terreno del rapporto qualità/prezzo. Ma per quanto tempo Microsoft riuscirà a restare in vantaggio?

Potrebbero interessarti anche