Lo strano caso dell’uomo che si ubriacava senza bere

Una patologia rara, passata inosservata per svariati anni

Un recente articolo ha riportato il curioso caso di un uomo di 46 anni – la cui identità non è stata resa nota – colpito da insoliti sbalzi d’umore e annebbiamento. Si tratta di uno dei pochi esempi di paziente affetto da ABS, o Auto-brewery syndrome (sindrome della fermentazione intestinale).

Tale condizione è dovuta alla diffusione di lieviti all’interno dell’apparato digerente, con conseguente produzione di alcol.

- Advertisement -

Ubriaco di lievito

Quando i poliziotti lo hanno fermato per guida in stato di ebbrezza non potevano credere alle sue parole. Eppure, quest’uomo – con un livello di alcol nel sangue oltre il doppio del massimo consentito – giurava di non avere bevuto neanche un goccio.

Ma partiamo dall’inizio.

- Advertisement -

Tutto è cominciato nell’ormai lontano 2011. Questa persona stava collaborando alla ricostruzione delle abitazioni danneggiate dall’uragano che colpì la Carolina del nord. Durante i lavori, si ferì gravemente il pollice e i medici gli prescrissero degli antibiotici per combattere l’infezione.

Da quel momento hanno avuto inizio i primi sintomi.

- Advertisement -

Annebbiamento, depressione, e perfino scatti d’ira, era come se quest’uomo fosse ubriaco sebbene non avesse apparentemente consumato alcolici. Fu solo qualche anno dopo che, in seguito all’episodio dell’arresto, il mistero cominciò a dipanarsi.

Sua zia aveva infatti sentito parlare di un caso simile avvenuto in Ohio, perciò decise di accompagnare il nipote ad una clinica nel suddetto stato. Qui, i medici analizzarono le feci del paziente ed individuarono alcuni, insoliti, organismi all’interno della flora intestinale.

Si trattava di lieviti, come Saccharomyces cerevisiae, tipicamente impiegato nella produzione di birra. È così che un sospetto cominciò ad insinuarsi nei dottori sbigottiti: e se quest’uomo fosse stato affetto da ABS?

La Auto-brewery syndrome

L’ABS (Auto-brewery syndrome) è una rara patologia identificata per la prima volta in un bambino africano, oltre 70 anni fa. Successivamente, sono stati dichiarati altri casi in uomini e donne provenienti da tutto il mondo.

Ma in cosa consiste esattamente l’ABS?

Essa è causata da un’anomala produzione di alcol ad opera di lieviti insediatisi nell’organismo. Questi ultimi si concentrano tipicamente nel tratto superiore dell’apparato digerente e convertono gli zuccheri in anidride carbonica ed etanolo.

Ogni qualvolta il paziente assume sostanze zuccherine e carboidrati i funghi cominciano a rilasciare alcol che entra rapidamente in circolo. I sintomi possono spaziare da sbalzi di umore e annebbiamento fino a veri e propri episodi di delirio.

Coloro che soffrono di questa sindrome presentano “le stesse condizioni dell’alcolismo: l’odore, il fiato, la sonnolenza, cambiamenti di andatura”, ci spiega Fahad Malik – fra gli autori dell’articolo. Per questa ragione, possono passare svariati anni prima che la malattia venga diagnosticata.

La cura

Una volta identificata la patologia, i medici hanno sottoposto il paziente a trattamenti antimicotici, nonché ad una dieta priva di carboidrati. Inizialmente, le cose sembrarono andare per il meglio, ma appena qualche settimana dopo i sintomi si ripresentarono con forza, fino all’incidente del 2017.

In stato di confusione, l’uomo cadde battendo violentemente la testa, e fu ricoverato per un’emorragia intracranica. I livelli di alcol erano schizzati a 400 mg/dL – valori potenzialmente letali – e il suo apparato digerente conteneva ancora più funghi.

A quel punto, l’uomo si mise in contatto con un gruppo di ricercatori della Richmond University, i quali furono in grado di ricostruire l’origine della malattia.

I colpevoli altro non erano che i farmaci assunti nel 2011 per curare la ferita al pollice. Essi avevano compromesso la flora intestinale del paziente, portando alla diffusione dei lieviti. Così, dopo alcuni mesi di dieta, antibiotici e probiotici, l’uomo è finalmente guarito ed è tornato a condurre una vita normale.

In futuro, “qualunque paziente che neghi di aver assunto alcol, ma mostri elevati valori di alcol nel sangue o risulti positivo all’etilometro dovrebbe essere visitato per una possibile ABS”, affermano i ricercatori.

Leggi anche Celiachia: un nuovo trattamento può invertire la malattia


Quotidianpost.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI