Sidney Lanier: il mistero del lago maledetto

I misteri del lago maledetto.

Sidney Lanier: il mistero del lago maledetto

Sidney Lanier: il mistero del lago maledetto

Oggi, il nostro viaggio nel mondo del paranormale, ci ha condotti in Georgia. Qui ai piedi delle montagne si estende per 26 miglia, con una profondità massima di 75 m e su una superficie di 150 km2 il lago di Sidney Lanier. Si tratta di un lago artificiale le cui origini risalgono al 1948. In quell’anno il governo acquistò una fattoria di 100 acri e la diede in gestione a Henry Shadburn al fine di avviare un progetto idrico sul fiume Chattahoochee. Il bacino aveva il compito di rifornire la città di acqua ed energia idroelettrica.

Sidney Lanier: il mistero del lago maledetto

Intorno al lago nacquero diversi racconti. Secondo alcuni, infatti, si dice che il lago sin dalla sua nascita il lago ebbe un influsso alquanto negativo sulle famiglie che abitavano a valle della diga. Il governo acquistò a poco prezzo i terreni della zona che sarebbero poi finiti sommersi dall’acqua durante il riempimento del lago. In quell’occasione vennero liberati più di 50.000 acri di terreni agricoli. Inoltre, 15 imprese e 20 cimiteri furono spostati. Molte persone si rifiutarono di spostarsi da lì ed inevitabilmente morirono sommersi dall’acqua del lago. Si racconta che ancora oggi, sul fondo del lago ci siano ancora strade e case quasi intatte. Intere città che sott’acqua sono abitate da pesci e fantasmi.

Sidney Lanier: il mistero del lago maledetto

Negli anni il lago Sidney Lanier si è guadagnato la reputazione di lago maledetto. Infatti, si sono verificati incidenti in barca, annegamenti, autisti che finirono in acqua dopo aver preso il controllo. Morti provocate da qualcosa di invisibile. Anche nuotatori esperti trovarono la morte in questo lago. Alcuni dei sopravvissuti agli annegamenti, hanno raccontato di aver avuto la sensazione che qualcuno li afferrasse per i piedi e li tirasse sott’acqua.

Sidney Lanier: le morti inspiegabili

Nel 2011 molti curiosi cominciarono a recarsi al lago. In quell’anno si registrarono bel 17 decessi. Nel giugno del 2012 due fratelli, Jake di 9 anni e Griffin di 13 seduti a bordo del lago vennero uccisi da una barca che perse il controllo e li investì. Un mese dopo, Kile Glover di 11 anni, venne colpito da una moto d’acqua mentre nuotava a pochi metri dalla riva. Il piccolo morì due settimane dopo. Le morti inspiegabili non hanno, però, fermato il turismo. 8 milioni di visitatori l’anno si recano al lago per nuotare, pescare e fare campeggio.

Sidney Lanier: le sparizioni misteriose

Oltre alle morti misteriose, il lago è noto anche per alcune misteriose sparizioni. Si narra, infatti, che un uomo di 25 anni scomparve una mattina di gennaio del 2015 dalla sua casa in Georgia. L’uomo uscì alle 4 del mattino per recarsi in farmacia ad acquistare un farmaco per l’influenza ma non fece mai più ritorno. Il suo corpo senza vita venne ritrovato un mese dopo a galleggiare nel lago. Nessuno seppe mai le cause del decesso.

Nel 2012 una ragazza di 16 anni sparì dal suo appartamento nei pressi del lago Lanier. Il suo corpo venne trovato in una zona boscosa in riva al lago il giorno dopo. Il corpo della ragazza presentava diverse ferite di accoltellamento. Anche la sua morte resta tutt’ora un mistero. Pochi giorni prima di morire la ragazza aveva raccontato che qualcosa o qualcuno la spiava attraverso il bosco.

Fantasmi, morti misteriose, vittime di una maledizione che anima il lago Lanier. Un lago sorto sulle macerie di una città che continua a vivere e che arde dal desiderio di riprendersi ciò che gli è stato tolto.

Roby Contarino
Scrittore, poeta, autore di canzoni, blogger, social media manager. Gestisce un blog personale "Ad esempio a me piace scrivere". Collabora oltre che con Quotidian Post anche con CalcioNow, Spynews e Supernews. Ha pubblicato tre romanzi (Un amore, un destino; Come dentro una Bottiglia; All'ombra dell'ultimo sole". A dicembre uscirà il suo nuovo romanzo "Il Pianista e la bambina: vita sopra le righe".
Potrebbero interessarti anche