Via Windows 7 e Office 10: la nuova linea Microsoft

Rivoluzione per gli utenti dei celebri prodotti informatici Windows.

Sarà un 2020 di totale rivoluzione per gli strumenti Microsoft. Il celebre marchio americano ha infatti comunicato di voler lanciare una serie di misure volte alla tutela della privacy e della sicurezza dei tantissimi utenti Microsoft sparsi per il mondo, con la conseguente eliminazione di vecchi programmi non più aggiornabili.

Nello specifico, il primo strumento a fare le spese della nuova politica di tutela della sicurezza voluta dai vertici di Microsoft sarà Windows 7, che non riceverà più aggiornamenti di alcun tipo. Gli utenti saranno dunque a un bivio: scegliere di aggiornare il proprio supporto – laddove le strumentazioni lo permettano – o comprarne uno nuovo. Poco da fare ci sarà per le strumentazioni obsolete.

- Advertisement -

Addio anche a Office 2010

La seconda sessione di blocco programmata da Microsoft prenderà il via nel mese di Dicembre, e “congederà” definitivamente anche il compagno di viaggio di tanti professionisti: Office 2010. Lo strumento che comprende, tra gli altri, l’utilizzatissimo Microsoft Word, lascerà il passo alle più recenti versioni del pacchetto.

I rischi di chi continua a usare Windows 7

Il colosso dell’informatica non ha intenzione di oscurare chi non vuol mettersi al passo coi tempi, ma gli utenti “conservatori” dovranno adattarsi. Non ricevendo più gli aggiornamenti di sistema, infatti, Windows 7 sarà più vulnerabile ai rischi e, di conseguenze, più esposto agli attacchi dei tanti virus presenti in rete.

- Advertisement -

Dieci anni di supporto tecnico terminati nel 2019

Al momento del rilascio di Windows 7 – anno 2009 – Microsoft si impegnava a garantire supporto tecnico per dieci anni. All’alba del 2020, dopo aver regolarmente garantito quanto pattuito, la creatura di Bill Gates si prepara a voltare pagina.