A rischio di una nuova crisi finanziaria globale

crisis
In questo periodo si teme una nuova crisi finanziaria a livello globale, causata dalle politiche monetarie adottate da alcune banche centrali.
La Banca Centrale Europea, la Banca Centrale del Giappone, la Banca della Danimarca, Banca della Svizzera e Banca della Svezia stanno adottando una politica monetaria espansiva mantenendo tassi d’interesse bassi con l’obiettivo di stimolare l’economia del Paese incoraggiando prestiti, investimenti, consumi e inflazione.
Le banche centrali decidono di far variare il tasso d’interesse per far aumentare/diminuire la quantità di moneta in circolazione. Riducendo il tasso d’interesse diminuiscono gli investimenti in titoli (gli investitori non hanno incentivo ad acquisire o a detenere titoli che fruttano poco), aumentano i prestiti e di conseguenza aumentano la moneta in circolazione, gli investimenti e i consumi.
A parte la Svezia, nessun Paese è riuscito a far risollevare la propria economia con queste manovre di politica monetaria, anzi ha solo ottenuto ripercussioni negative sul mercato finanziario spingendo verso il ribasso i titoli. Queste turbolenze finanziarie hanno spinto e continuano a spingere gli investitori verso i beni rifugio (opere d’arte, oro, diamanti, immobili) che non danno guadagni immediati ma mantengono il loro valore nel tempo. Il bene rifugio preferito dagli investitori è sicuramente l’oro, che in situazioni come queste con tassi di interesse bassi ha una quotazione in rialzo.
2016-03-11 23.21.56

Loading...

1 commento

Comments are closed.