Amazon estende il periodo di reso e riempie i magazzini di prodotti necessari

Amazon ha adeguato le sue politiche all'emergenza coronavirus, ecco come

Amazon ha deciso di prolungare il periodo di reso sui prodotti, a causa dell’emergenza Coronavirus. Per alcuni articoli il periodo “di prova” dura addirittura 4 mesi. Per tutti i prodotti, consegnati a partire dal 1 febbraio 2020,  infatti il periodo di reso è esteso fino al 31 maggio 2020.

Questo è dovuto a due principali motivazioni: i tempi di consegni prolungati e le difficoltà dei corrieri a ritirare i pacchi, specialmente perché non tutti sono dotati delle misure idonee anti contagio come guanti e mascherine. In questo caso, c’è la possibilità di testare l’articolo per un tempo maggiore.

- Advertisement -

Nei magazzini solo prodotti ritenuti necessari

Al contempo i corrieri chiedono a gran voce di limitare gli acquisti e di limitarsi ai prodotti ritenuti utili, e tale scelta ha trovato man forte dalla casa madre. Amazon, infatti, ha  comunicato che al momento rifornirà i magazzini solo con i prodotti ritenuti necessari.

Gli articoli ritenuti “necessari” sono: prodotti per la salute, articoli per la cura della casa, prodotti per il benessere della persona, cibo, articoli per gli animali, libri.

- Advertisement -

Comprendiamo che questo è un cambio di direzione importante per i nostri venditori associati e apprezziamo la loro comprensione per questa temporanea priorità data solo ad alcuni prodotti”, ha spiegato il colosso dell’e-commerce di Bezos.

Questo, però, non significa che gli altri articoli non saranno più venduti. Significa solo che potrebbero esaurirsi più in fretta senza esser riforniti e che i venditori potrebbero esser costretti a spedirli autonomamente, non potendo usufruire dei magazzini messi a disposizione da Amazon.

Avetrana – Qui non è Hollywood

Disney+ ha diffuso il teaser trailer e il teaser poster della nuova serie originale italiana Avetrana – Qui non è Hollywood che sarà disponibile quest’autunno sulla piattaforma...