Apple rinvia i piani anti-pedofilia che aveva previsto

Apple fa un passo indietro sulla tecnologia anti-pedofilia che aveva implementato

Apple ha ritardato i piani per implementare la tecnologia di rilevamento che avrebbe scansionato gli iPhone degli utenti statunitensi alla ricerca di materiale pedopornografico.

La notizia aveva generato scalpore e anche svariate riserve sulla privacy degli utenti. E’ per questo motivo che Apple ha detto di aver ascoltato i feedback negativi e di aver deciso di ripensarci.

- Advertisement -

C’erano preoccupazioni che il sistema potesse essere abusato dagli stati autoritari.

La cosiddetta tecnologia NeuralHash avrebbe scansionato le immagini poco prima che venissero caricate su Foto di iCloud. Quindi li avrebbe abbinati a materiale noto per abusi sessuali su minori su un database gestito dal National Center for Missing and Exploited Children.

- Advertisement -

Se una corrispondenza fosse stata trovata, sarebbe stata esaminata manualmente da un essere umano e, se necessario, sarebbero state prese misure per disabilitare l’account di un utente e segnalarlo alle forze dell’ordine.

Doveva essere lanciato più avanti nel corso dell’anno.

- Advertisement -

In una dichiarazione, Apple ha dichiarato: “Il mese scorso abbiamo annunciato piani per funzionalità destinate ad aiutare a proteggere i bambini dai predatori che utilizzano strumenti di comunicazione per reclutarli e sfruttarli e limitare la diffusione di materiale pedofilo”

Ma “Sulla base del feedback di clienti, gruppi di difesa, ricercatori e altri, abbiamo deciso di prenderci più tempo nei prossimi mesi per raccogliere input e apportare miglioramenti prima di rilasciare queste funzionalità di sicurezza per i bambini”.

Gli attivisti per la privacy hanno espresso preoccupazione per il fatto che la tecnologia potrebbe essere ampliata e utilizzata da governi autoritari per spiare i cittadini.

La Electronic Frontiers Foundation è stata una delle critiche più esplicite del sistema, raccogliendo una petizione firmata da 25.000 clienti che si opponevano alla mossa.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.